menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Convince l'amico a fare affari assieme ma la vita diventa un incubo

Il fatto avvenuto tra Ariano Irpino e la Romania

Tre mesi di indagini per denunciare alla Procura della Repubblica di Benevento un cinquantenne, pluripregiudicato di Ariano Irpino, M.G., reo di estorsione, minacce, percosse e truffa ai danni dei componenti di una famiglia residente ad Ariano Irpino.

La vicenda, molto complessa, e che verosimilmente ha interessato altre vittime, iniziò circa un anno fa. Il pregiudicato, dopo aver conosciuto un giovane disoccupato, ne conquistò la fiducia e, allettandolo con la prospettiva di facili guadagni, lo convinse a mettersi in affari con lui per intraprendere un'attività commerciale di prodotti alimentari italiani da esportare  in Romania.

I genitori del giovane, illudendosi che questa potesse essere per lui una valida opportunità di lavoro, misero a disposizione tutti i propri risparmi, circa dodicimila euro.

Acquistata, con parte della somma ricevuta, una certa quantità di prodotti alimentari di note marche italiane, il pregiudicato ed il giovane, a bordo di un furgone di proprietà della famiglia di quest'ultimo, partirono per la Romania, dove il cinquantenne assicurava che in breve tempo la somma investita sarebbe stata raddoppiata.

In Romania iniziò invece l'incubo per il giovane, che non sapeva di aver incontrato un uomo violento ed aggressivo, già resosi responsabile di maltrattamenti e percosse nei confronti dei familiari.

Il giovane, infatti, a seguito di minacce di morte fu costretto a vendere il furgone e poi fu completamente soggiogato dal pluripregiudicato che  lo sottopose ad "una sorta di schiavitù", impedendogli di utilizzare il proprio denaro e addirittura di telefonare ai propri familiari per chiedere aiuto e far ritorno in Italia.

Dopo circa 10 giorni di permanenza in Romania, la sfortunata vittima, approfittando di una distrazione del suo carnefice, riuscì a contattare i genitori, che inviarono sul posto i due fratelli per riportarlo in Italia.

Tornato in Italia il giovane ha raccontato la sua disavventura, rivelando che il suo denaro, compresi i guadagni della merce venduta in Romania, lo aveva sperperato il pregiudicato, facendo la "bella vita" tra Nights e Casinò.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento