Abuso d’ufficio, inizia il processo al comandante dei vigili urbani Arvonio

Il dirigente è sicuro di ottenere l’assoluzione

Questa mattina avrà inizio il processo a carico di Michele Arvonio, comandante dei vigili urbani di Avellino. Arvonio sarà difeso dall’avvocato Vincenzo Laudanno. Le accuse a carico del dirigente sono di abuso d'ufficio e tentata concussione.

I fatti risalgono al 2015

Le contestazioni fanno riferimento al 2015, quando Arvonio ricopriva la carica di comandante della Polizia Municipale di Tufino. Stando a quanto afferma la Procura di Nola, l'indagato avrebbe cercato di utilizzare il proprio ruolo per favorire una lista elettorale dell'allora candidato sindaco Francesco Tommaso Esposito. Ricordiamo, inoltre, che l'indagine è stata coordinata dal procuratore Luisa D'Inella.

L’Ipotesi dell’accusa è che Arvonio abbia cercato di orientare il voto di C.G. e F.B. Un incontro mai avvenuto a causa dell’opposizione di C.G., con la moglie A.P.I. e F.B. indicati dal sostituto procuratore D’Innella come persone offese.

Michele Arvonio si è sempre professato innocente e sicuro di avere la totale assoluzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin, tra vecchie e nuove stelle ecco i migliori ristoranti campani

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • In Campania è stato raggiunto il picco dei contagi

  • Coronavirus in Irpinia, sono 194 i positivi di oggi: altri 38 ad Avellino

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i positivi di oggi: altri 13 ad Avellino

  • Rinviata l'apertura di Decathlon a Mercogliano

Torna su
AvellinoToday è in caricamento