rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Venticano

Messaggi proibiti, l'insegnante risponde al Gip: "Non c'è stata nessuna violenza"

La difesa, rappresentata dall'avvocato Alberico Villani, ricorrerà al Riesame

All’esito di attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, gli investigatori della Squadra Mobile della locale Questura, nel pomeriggio del 15 marzo 2023, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di un 67enne di Venticano, gravemente indiziato del reato di violenza sessuale aggravata e lesioni personali aggravate.

L'arrestato è ritenuto gravemente indiziato dei summenzionati delitti, commessi con l’aggravante di aver approfittato delle circostanze di tempo, di luogo e di persona tali da ostacolare la pubblica e privata difesa. In particolare, nella ricostruzione accusatoria accolta dal Giudice, i gravi indizi attengono a condotte poste in essere nell’agosto del 2022 da parte dell’indagato, nella sua qualità di istruttore chinesiologo, consistite nel costringere - adducendo come motivazione il fatto che stava compiendo una “terapia energetica”, utile a fronteggiare le problematiche riscontrate e riferitegli dalla parte offesa – quest’ultima a subire atti sessuali, tali da causare anche un’ecchimosi sulla parte interna delle cosce. Il provvedimento oggi eseguito è una misura cautelare, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e il destinatario della stessa è allo stato persona sottoposta ad indagini e quindi presunto innocente fino a sentenza definitiva. 

A suo dire, si trattava solo di semplici massaggi, queste sono state le parole pronunciate dinanzi al gip del Tribunale di Benevento, Pietro Vinetti, che martedì scorso lo ha spedito agli arresti domiciliari per le ipotesi di violenza sessuale e lesioni personali aggravate ai danni di una 26enne, 67enne, docente di educazione fisica di Venticano coinvolto in una inchiesta della Squadra mobile.

Assistito dall'avvocato Alberico Villani, che presenterà ricorso al Riesame, l'indagato ha risposto alle domande durante l'interrogatorio di garanzia, respingendo i comportamenti addebitati. Il 67enne, inoltre, ha precisato che la ragazza, residente in un paese a poca distanza da Benevento, era da un paio di anni frequentatrice della palestra, a Venticano, dove vive e lavora il 68enne, e che quel giorno – il 10 agosto del 2022- si stava sottoponendo alla solita seduta di massoterapia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messaggi proibiti, l'insegnante risponde al Gip: "Non c'è stata nessuna violenza"

AvellinoToday è in caricamento