rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca

Maxi truffa da 34 milioni di euro, oggi in aula le questioni preliminari e la costituzione di parte civile

Questa mattina al Tribunale di Avellino l'udienza per un processo nel quale sono coinvolti ben 41 soggetti, accusati di truffa, associazione a delinquere, abusivismo finanziario, riciclaggio e auto-riciclaggio

Questa mattina al Tribunale di Avellino l'udienza per un processo nel quale sono coinvolti ben 41 soggetti, accusati di truffa, associazione a delinquere, abusivismo finanziario, riciclaggio e auto-riciclaggio, a seguito di indagini svolte dalla Procura di Como nel 2018, da cui è emerso un grosso giro di affari illeciti che ruotava intorno alle società W&H Consulting Sa, M.g.A Consulting Gmbh e Larefer ltd, specializzate nel piazzare abusivamente prodotti finanziari e quote di crowdfunding in tutta Europa. Presenti in aula anche i legali di parte civile Fabio Tulimiero, Enzo Caggiano, Angela De Rosa, Costantino Sabatino e Giuseppe Vitiello. 

In data odierna si dava spazio alle questioni preliminari e la costituzione di parte civile. Confermate, inoltre, le costituzioni già fatte in udienza preliminare e, adesso, il prossimo appuntamento è atteso per il 21 dicembre 2022, quando saranno sciolte le questioni preliminari e avanzata la richiesta istruttoria. Gli imputati, ricordiamolo, sono difesi dagli avvocati Antonio Rauzzino, Gerardo Di Martino e Nicola D'Archi. 

La maxi operazione del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Como

Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Como, il 27 luglio 2018, ha dato esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo, finalizzato anche alla confisca per equivalente per un valore di circa 34 milioni di euro, disposto dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Como nei confronti di quaranta imputati (tra i quali erano presenti gli otto individui irpini), nell’ambito di una indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Como, che ha permesso di accertare la presenza sul territorio nazionale di una associazione per delinquere di natura transnazionale, operativa sin dal 2014 (formata da diciannove persone), in quanto operante anche in vari stati tra cui Austria, Lussemburgo, Malta, Regno Unito, Confederazione Elvetica, Cipro (oltre che in numerose città italiane) finalizzata a commettere delitti di abusivismo finanziario e riciclaggio perpetrati in particolare attraverso le società estero vestite, aventi strutture anche a Lugano, W&H CONSULTING Sa (di diritto lussemburghese), M.g.A. Consulting Gmbh (di diritto austriaco ma operativa a Modena) e LAREFER ltd (di diritto cipriota ma operativa ad Avellino), prive di abilitazione ad operare in Italia in quanto mai iscritte all’albo dei soggetti autorizzati dalla CONSOB che hanno collocato prodotti finanziari abusivi (quote di crowdfunding) sul territorio italiano, operando attraverso strutture operative e collaboratori, attivi in numerose città italiane, cui venivano riconosciute provvigioni. In base alle indagini svolte, le somme di denaro raccolte attraverso la collocazione dei prodotti finanziari non erano destinate alle attività di investimento proposte, ma ripartite tra i componenti della associazione per delinquere ed in parte utilizzate per pagare gli elevati rendimenti sugli investimenti sottoscritti dai vari clienti, anche al fine di stimolare, attraverso una attività truffaldina, la raccolta di ulteriori somme di denaro presso il pubblico.

Il collocamento dei prodotti finanziari era altresì realizzato, utilizzando una piattaforma finanziaria chiusa denominata ASAP Vip Club che consentiva la gestione di operazioni monetarie di trasferimento anche all’Estero delle somme di denaro con gli investitori italiani in modo non tracciabile. In base a quanto accertato, utilizzando consulenti finanziari abusivi, la W&H CONSULTING S.A. risulta aver collocato almeno 25 mandati fiduciari di investimento, per un valore complessivo dei contratti siglati pari ad euro 1.355.000,00, la M.g.A. Consulting gmbh risulta aver collocato almeno 162 contratti di investimento, per un valore complessivo dei contratti siglati pari ad euro 6.887.800,00 (per una somma complessivamente raccolta pari euro 4.997.459,43), la LAREFER ltd, risulta aver collocato almeno 662 contratti di investimento per un valore complessivo dei contratti siglati pari ad euro 18.848.750,00 (per una somma complessivamente raccolta pari euro 7.266.520,43). E’ stata altresì accertata la perpetrazione dei reati, connotati dal requisito della transazionalità, di abusivismo finanziario (artt. 166 comma 1 lett. a) e c), comma 2 in rel. artt. 1 comma 1 lett. t), u), 18 e 94 del DLvo 58/98 (T.U.F.), riciclaggio, auto riciclaggio (per circa 500.000 euro) per il tramite della piattaforma ASAP e di una società di diritto tedesco ma formalmente operante a Bolzano (FV Service Gmbh), nonché oltre trenta episodi di truffa ai danni di clienti delle citate strutture operative operanti sul territorio nazionale facenti capi alle citate società esterovestite. L’indagine è stata condotta, anche con attività di intercettazione, dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Como, e si è avvalsa del significativo contributo fornito dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Avellino, dalle Autorità di vigilanza CONSOB e BANCA d’ITALIA, da EUROJUST e dalle Autorità di Austria e Bulgaria.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi truffa da 34 milioni di euro, oggi in aula le questioni preliminari e la costituzione di parte civile

AvellinoToday è in caricamento