menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E' morto il direttore della casa di reclusione, Massimiliano Forgione

Sant’Angelo dei Lombardi e la sua amministrazione penitenziaria sono in lutto

All’ospedale Criscuoli di Sant'Angelo dei Lombardi è morto il direttore della casa di reclusione altirpina, Massimiliano Forgione, originario del beneventano.

Il direttore era stato trasportanto con urgenza presso l'Ospedale "Criscuoli" per una grave crisi cardio-respiratoria. Purtroppo i sanitari non sono riusciti a salvarlo anche per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. 

Prima di arrivare in provincia di Avellino, Forgione era stato vicedirettore a Spoleto, Modena e Reggio Emilia. Dirige anche le strutture di Aosta, Fossano e Castelfranco Emilia. Lascia la moglie e due figli.

Intanto è stata disposta la camera ardente presso la Casa Circondariale. 

I funerali si terranno sabato mattina presso la Cattedrale di Sant'Angelo dei Lombardi.

Ecco il messaggio di cordoglio di Rosa D'Amelio:

 “La Casa di reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi è un modello in Italia nella cura, nel recupero e nella riabilitazione sociale dei detenuti, un riconoscimento ottenuto grazie alla totale dedizione dell’amico Massimiliano Forgione (foto), direttore del penitenziario, scomparso prematuramente questa mattina”. Così dichiara la presidente del Consiglio regionale della Campania Rosetta D’Amelio.

“Ho avuto il piacere di conoscere Forgione sin da quando da assessore regionale alle Politiche sociali, in collaborazione con l’assessorato all’Agricoltura, avviammo dei progetti ambiziosi proprio nel carcere di Sant’Angelo dei Lombardi, oggi divenuti realtà. Ne ho apprezzato le qualità professionali dimostrate in tutti gli incarichi coperti da Nord a Sud, la capacità di motivare collaboratori e agenti facendoli sentire parte di una grande famiglia, il senso di abnegazione nei confronti del lavoro per il quale ha speso ogni giorno della sua vita. Così come ne ho apprezzato la forza e la discrezione con la quale ha affrontato fino all’ultimo la malattia – continua D’Amelio. – Caratteristiche che hanno reso possibile la straordinaria realtà di un penitenziario che ha l’unica tipografia d’Italia, un’area sanitaria riservata a detenuti provenienti dagli ex ospedali psichiatrici giudiziari, una lavanderia, frutteti, una carrozzeria, un’area didattica all’avanguardia e una percentuale altissima di detenuti impegnati in attività lavorativa durante la giornata”.

“Anche recentemente, in occasione della cerimonia di intitolazione del carcere a tre agenti caduti il 23 novembre 1980, Gennaro Bartolo, Lorenzo Famiglietti e Remo Forgetta, il direttore Forgione aveva ricordato nel suo intervento il principio ispiratore del suo impegno. Per noi contano gli uomini, non i loro reati, aveva detto fortemente convinto del valore educativo e riabilitativo della detenzione che non deve mai essere soltanto punizione, ma deve fornire una speranza e strumenti utili a contrastare le recidive”, aggiunge la presidente.

“L’auspicio è che i frutti di questo prezioso lavoro vengano custoditi e che sia reso onore alla memoria di Massimiliano Forgione esportando il modello Sant’Angelo dei Lombardi in tutte le amministrazioni carcerarie italiane, come esempio nell’organizzazione e gestione delle stesse". 

L'ASL di Avellino, diretta dalla dott.ssa Maria Morgante, esprime il proprio cordoglio per la morte del dott. Massimiliano Forgione, Direttore della Casa di Reclusione di Sant'Angelo dei Lombardi, con il quale in questi anni si è instaurato un rapporto di stima e grande collaborazione a beneficio dei detenuti.

La comunità carceraria, l'ASL e la provincia di Avellino perdono un professionista di grande spessore, una personalità illuminata e innovativa nella gestione carceraria, che ha contribuito in maniera significativa a rendere la detenzione un percorso teso alla riabilitazione sociale dei detenuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I due nuovi vaccini contro il Covid in arrivo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Incendio in un edificio a Montella, intervengono i Vigili del Fuoco

  • Incidenti stradali

    Cisterna in fiamme sulla Ofantina: interviene la Polstrada

  • Cronaca

    Coltivava abusivamente canapa sativa, 45enne denunciato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento