rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Mancini, protesta infinita: gli studenti tornano in piazza

Tantissimi gli studenti e gli insegnanti che hanno deciso di partecipare

Questa mattina, con qualche minuto di ritardo, è partito il corteo degli studenti del Mancini; il secondo dopo il sequestro del liceo di Via De Conciliis. Tantissimi gli studenti e gli insegnanti che hanno deciso di partecipare. L’appello della preside Agnes, infatti, non era rivolto solo ai ragazzi del Liceo finito al centro delle indagini della Procura, ma a tutti gli istituti del capoluogo irpino.

Ci sono gli studenti dell’Imbriani, del Marone e del De Luca. Anche oggi, esattamente come l’altra volta, l’obiettivo è raggiungere palazzo Caracciolo per far sentire la propria voce.

Intanto, i Segretari della Cgil Avellino, Franco Fiordellisi, e della Flc Cgil, Erika Picariello, hanno inviato una lettera al Prefetto di Avellino, Maria Tirone. 

La Scrivente O.S. confederale e di categoria

constata, a qualche giorno dalla commemorazione del 23 novembre, la drammatica riproposizione, nella nostra città, dell'emergenza scuole: emergenza che sta riguardando, in particolare, il Liceo "P.S. Mancini" oggetto dell'attenzione della Procura di Avellino.

Lo stabile in questione è lo stesso presso cui, lo scorso anno, in seguito ad una emergenza analoga che riguardò l'Iss "P.A. De Luca" furono allocati tutti gli studenti della succursale del Liceo "P.S. Mancini" per consentirne collocazione agli studenti dell'Iss "P.A. De Luca", non più agibile;

prende atto del fato che a dieci giorni dalla apposizione dei sigilli al Liceo "P.S. Mancini" gli unici elementi chiari sono i seguenti:

1- più di 1200 studenti, i docenti ed il personale della scuola tutta non hanno più un Istituto;

2- nel frattempo, ulteriori indagini della Procura di Avellino, secondo quanto riportato dagli organi di stampa, stanno interessando altri Istituti della città del primo e del secondo grado di istruzione;

3- le risultanze dei tavoli tecnici, a porte chiuse, presso l'Ente Provincia prefigurano, per il tramite di mere anticipazioni di stampa senza alcuna comunicazione formale o invito rivolti né al Consiglio di Istituto, né al Dirigente Scolastico del Liceo "P.S. Mancini", uno smembramento dell'Istituto stesso nelle aule che residuano presso gli altri Istituti Superiori della città;

4) che questa soluzione andrebbe scongiurata perché di impossibile realizzazione per la complessità organizzativa del Liceo "P.S. Mancini" ma anche delle scuole ospitanti considerato che oramai gli istituti sono accessibili agli studenti con plurime attività programmate e finanziate da differenti tipologie di fondi tanto al mattino quanto al pomeriggio;

Chiede a Sua Eccellenza il Prefetto

di interpellare il Governo allo scopo di aprire un tavolo istituzionale, con somma urgenza, su questa vicenda perché lo stesso Governo Nazionale e Regionale si facciano carico di garantire attraverso un finanziamento straordinario, sia per l'allocazione temporanea di studenti e del personale che per i tempestivi interventi di ripristino della agibilità della struttura, il regolare proseguimento dell'anno scolastico, anno scolastico che di fatto è già ora fortemente messo in discussione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancini, protesta infinita: gli studenti tornano in piazza

AvellinoToday è in caricamento