menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Estorsione ed usura: annullata la condanna per Maglione e D'Angelo

La Cassazione ha accolto i ricorsi della difesa

Condannati a 7 anni per estorsione ed usura, Antonio Maglione e Carlo D’Angelo hanno visto la Cassazione ribaltare la sentenza del 22 marzo 2018. Il presidente della sesta sezione penale, Tronci, ha accolto il ricorso dei difensori dei due imputati, ritenendo insufficienti le prove di colpevolezza desunte dalle dichiarazioni della parte offesa Luigi Di Martino e da alcune intercettazioni telefoniche. A seguito del ricorso per la condanna, il procuratore De Masellis aveva chiesto l’accoglimento solo di quello relativo a D’Angelo, rigettando quello di Maglione. La sentenza, però, è stata completamente ribaltata e la condanna annullata. A questo punto si procederà a nuovo giudizio, con il procedimento che potrebbe essere riunito a quello a carico di Domenico Pagnozzi che alcuni giorni fa si è visto annullare con rinvio la condanna a 16 anni per associazione di stampo mafioso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento