Il magistrato Scognamiglio: "Separata in casa con mio marito, da tre anni fatta richiesta"

La convivenza del giudice Anna Scognamiglio con il marito Guglielmo Manna "era solo formale e dovuta alla necessita' di salvaguardare l'equilibrio psichico dei nostri due ragazzi; insomma vivevamo da "separati in casa" e ognuno di noi aveva ed ha la sua vita, anche sentimentale, del tutto autonoma"

La vicenda si arricchisce di ulteriori particolari. Tutte le persone indagate, chi tramite i propri legali chi per propria bocca rilasciano dichiarazioni. Ma le parole più pesanti le spende il magistrato Anna Scognamiglio che porta all'opinione pubblica anche vicende familiari. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La convivenza del giudice Anna Scognamiglio con il marito Guglielmo Manna "era solo formale e dovuta alla necessita' di salvaguardare l'equilibrio psichico dei nostri due ragazzi; insomma vivevamo da "separati in casa" e ognuno di noi aveva ed ha la sua vita, anche sentimentale, del tutto autonoma". Lo dice lo stesso giudice Scognamiglio. "Mai e poi mai avrei compromesso i miei principi morali e la mia professionalita' allo scopo di procurargli illeciti vantaggi di carriera. Aggiungo, che dopo la perquisizione da me subita e dopo aver preso cognizione del capo di imputazione, ho posto fine alla convivenza, sia pure solo formale, con mio marito. Se altri hanno assunto una iniziativa del genere - aggiunge Scognamiglio - se ne assumeranno le loro responsabilita' per aver sfruttato, a mia totale insaputa, il mio nome e la conoscenza del fatto che ero stata designata quale relatrice del processo De LucaL'unico elemento indiziante a mio carico, e' costituito dal fatto che beneficiario della richiesta illecita rivolta a De Luca sarebbe mio marito il che potrebbe comportare, sul piano astratto, il legittimo sospetto di un mio coinvolgimento nei fatti. Nel mio caso, pero' - spiega Scognamiglio - un siffatto sospetto non ha motivo di essere poiche', da tempo, i rapporti con mio marito si sono fortemente incrinati tanto da indurmi, gia' tre anni orsono, a presentare in Tribunale un ricorso di separazione. Non conosco assolutamente ne' de Luca, ne' Mastursi, ne' Vetrano con i quali non ho mai avuto contatti di alcun genere, ne', quindi, ho loro mai chiesto, ne' potuto chiedere, alcun favore ne' per me ne' per mio marito". Lo afferma il giudice Anna Scognamiglio, in una dichiarazione diffusa tramite il suo legale, avv. Giovanbattista Vignola.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • 55enne di Mercogliano asintomatica aveva avuto contatti con alcuni commercianti

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • L'amministrazione comunale: "Quanto accaduto non mette in discussione il mandato di un’intera squadra"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento