La protesta dei lavoratori Novolegno s'inasprisce: "Abbiamo deciso di incatenarci e iniziare lo sciopero della fame"

Gli operai della Novolegno sono giunti al 23esimo giorno di presidio nell'aula consiliare del comune di Montefredane

Gli operai della Novolegno sono giunti al 23esimo giorno di presidio nell'aula consiliare del comune di Montefredane e, dopo oggi, i toni della protesta si sono decisamente inaspriti:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo deciso di incatenarci e iniziare lo sciopero della fame"

“Con Fantoni abbiamo perso la speranza. Si sapeva già da un anno che aveva deciso di dismettere qui al Sud. Abbiamo deciso di incatenarci e iniziare lo sciopero della fame. Ormai, questa, è l'unica forma di protesta che può smuovere la politica. Aspettiamo quanto prima una convocazione al Mise".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Coronavirus, chiude il bar Nolurè: titolare positivo in ospedale

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

  • Coronavirus, in Campania è allarme arancione

  • Claudio Rosa, Capo Ufficio Comando Del Provinciale dei Carabinieri di Avellino, promosso Tenente Colonnello

  • Cgil: alla scuola elementare Palatucci, un provvedimento assurdo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento