I carabinieri arrestano tre persone in flagranza di furto all'interno di un’impresa dismessa

La refurtiva, che avrebbe fruttato un ragguardevole profitto qualora immessa sul mercato clandestino del metallo, è stata restituita all’avente diritto

I Carabinieri, con l’effettuazione di mirati servizi volti alla prevenzione ed alla repressione di reati, in particolare quelli di tipo predatorio, continuano incessantemente a porre attenzione all’attività di perlustrazione nei comuni dell’Irpinia implementando al massimo, come disposto dal Comando Provinciale di Avellino, l’attività di controllo del territorio.

Ed è proprio grazie a tali servizi che i militari della Stazione di San Martino Valle Caudina hanno tratto in arresto in flagranza tre soggetti del posto ritenuti responsabili di furto di materiale ferroso.

I fatti sono accaduti nella mattinata di ieri: nel corso di un servizio perlustrativo, avendo notato insoliti movimenti e udito strani rumori, la pattuglia sorprendeva i predetti all’interno di una ditta dismessa, intenti ad asportare decine di lastre in ferro appena smontate da un nastro trasportatore.

L’intervento dei Carabinieri permetteva di bloccare e trarre in arresto un 20enne, un 50enne ed un 62enne (tutti del posto e con a carico precedenti di polizia principalmente per reati contro il patrimonio) e di recuperare la refurtiva, in parte già stata caricata a bordo di un autocarro.

Condotti in Caserma, dopo gli accertamenti di rito i tre arrestati, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sono stati sottoposti ai domiciliari, in attesa di comparire nella mattinata odierna dinanzi al Tribunale per essere giudicati con la formula del rito direttissimo.

La refurtiva, che avrebbe fruttato un ragguardevole profitto qualora immessa sul mercato clandestino del metallo, è stata restituita all’avente diritto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco il tragitto del giovane tornato da Codogno: "E' tornato in auto"

  • "Quando morirò lasciami dove vuoi" e lei abbandona il cadavere per strada

  • Coronavirus, di ritorno a Montefusco da Codogno: scatta il protocollo

  • Avellino in lutto, è morto il "vigile urbano buono"

  • Laurea con 110 e lode per Francesca Bellizzi, figlia di Mimmo

  • Bando di concorso all'Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati”

Torna su
AvellinoToday è in caricamento