rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Bagnoli Irpino

Laceno, seggiovie ferme: continua la querelle tra il Comune e la società Giannoni

La decisione ha portato a enormi danni economici ed occupazionali per il territorio irpino

La notizia era ben nota: il 27 maggio le due seggiovie che servono la località del Laceno, meta di turisti di tutto il Sud Italia, hanno smesso di muoversi. La società che da oltre 40 anni, con propri capitali economici, ha consentito lo sviluppo dell’area, ora si vede sottrarsi i beni per scelta unilaterale del Comune, proprietario dei suoli. 

La decisione in auge, però, ha portato a enormi danni economici ed occupazionali per il territorio irpino. Questa situazione di disagio ha creato una forte diatriba tra il Comune di Bagnoli Irpino e la società Giannoni, che gestisce tutte le aree del Laceno. Le parti in causa stanno lavorando per divenire a una soluzione che possa fare chiarezza su di un problema che, forse, è stato preso troppo sotto gamba. Il clima appare tesissimo e una soluzione, almeno nell'immediato, appare un miraggio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laceno, seggiovie ferme: continua la querelle tra il Comune e la società Giannoni

AvellinoToday è in caricamento