rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Ingerisce pila a bottone: bimba di 3 anni salvata al Moscati

La batteria è stata rimossa attraverso una sonda dalla dottoressa Fabiana Capuano, affiancata dai colleghi Luciano Perrotti e Mario Corbisiero

Una bambina di tre anni di Mercogliano è stata salvata dai medici dell'Azienda Ospedaliera Moscati dopo aver ingerito una pila a bottone. I genitori hanno portato la piccola in ospedale a seguito della comparsa di sintomi allarmanti quali tosse, febbre e vomito, ignari dell'oggetto che era finito nel corpicino della figlia. Come riportato da Ottopagine, i medici dell’ospedale San Giuseppe Moscati hanno sottoposto tempestivamente la piccola paziente ad esami accurati. La radiografia è stato l'esame che ha consentito di identificare la presenza di una pila a bottone nell’esofago. Ad estrarre l'oggetto è stata la dottoressa Fabiana Capuano, affiancata dai dottori Luciano Perrotti e Mario Corbisiero che hanno anestetizzato la bimba. Fortunatamente, non è stata necessaria nessuna operazione chirurgica, la batteria è stata rimossa attraverso una sonda inserita dalla bocca. La bambina è attualmente ricoverata nel reparto di pediatria e le sue condizioni di salute sono buone.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingerisce pila a bottone: bimba di 3 anni salvata al Moscati

AvellinoToday è in caricamento