rotate-mobile
Cronaca

Indebita percezione di indennità, Filuccio Tangredi dovrà risarcire più di 180mila euro a Provincia e ASI

La Corte dei Conti ha condannato l'ex sindaco di Cervinara al pagamento delle seguenti somme: euro 34.621,53, a favore della Provincia di Avellino, ed euro 147.319,05, a favore del Consorzio ASI di Avellino

La Corte dei Conti per la Regione Campania aveva ricevuto comunicazione di un esposto segnalante l'indebita percezione di plurime indennità da parte di Tangredi Filuccio, per avere egli ricoperto contemporaneamente le cariche di sindaco di Cervinara, consigliere della Provincia di Avellino e membro del Comitato Direttivo del Consorzio per l'Area di Sviluppo Industriale della Provincia di Avellino. Le indagini hanno appurato che Tangredi aveva rivestito la carica di consigliere presso la Provincia di Avellino dal 29 giugno 2009 al 12 febbraio 2013, nonché quella di assessore e poi di sindaco del Comune di Cervinara dal 30 marzo 2010 al 22 settembre 2020 e che, in relazione a tali incarichi, aveva percepito emolumenti sia dall'ente Provincia (gettone di presenza, per complessivi euro 34.621,53, relativamente al periodo giugno 2010-febbraio 2013) che dal Comune di Cervinara (indennità di funzione). Questa doppia percezione viola la legge ai sensi del quale “chi è eletto o nominato in organi appartenenti a diversi livelli di governo non può ricevere più di un emolumento, comunque denominato, a sua scelta”, non avendo l 'odierno convenuto, nel periodo in contestazione, mai effettuata la dovuta comunicazione agli Enti interessati e la scelta dell'emolumento da percepire.

Il Procuratore regionale ha ritenuto che tali condotte fossero a titolo di dolo

A questo si era aggiunta l'indennità corrisposta in favore del Tangredi, a decorrere dal 9 maggio 2011 e sino al 2015, per avere ricoperto l'ulteriore incarico di membro del Comitato Direttivo del Consorzio ASI di Avellino, per complessivi euro 147.319,05 e che la percezione di tale indennità si poneva anch'essa in contrasto con la legge ai sensi del quale “agli amministratori di comunità montane e di unioni di comuni e comunque di forme associative di enti locali, aventi per oggetto la gestione di servizi e funzioni pubbliche, non possono essere attribuite retribuzioni, gettoni, indennità o emolumenti in qualsiasi forma siano essi percepiti” e, relazione a tale ultima funzione, Tangredi aveva omesso di comunicare agli enti interessati -cioè Provincia e Consorzio ASI- di avere contemporaneamente ricoperto plurimi incarichi e la conseguente scelta dell'emolumento che intendeva percepire. Il Procuratore regionale riteneva quindi che tali condotte omissive e antigiuridiche fossero a titolo di dolo e che da esse fosse scaturito un pregiudizio erariale, pari all'importo dei plurimi emolumenti percepiti, ossia euro 34.621,53, per la carica di consigliere provinciale, ed euro 147.319,05, in relazione all'incarico presso l'ASI di Avellino. Per questi motivi, la Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale per la Regione Campania si è pronunciata condannando Tangredi Filuccio al pagamento di euro 34.621,53, a favore della Provincia di Avellino, ed euro 147.319,05, a favore del Consorzio ASI di Avellino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indebita percezione di indennità, Filuccio Tangredi dovrà risarcire più di 180mila euro a Provincia e ASI

AvellinoToday è in caricamento