rotate-mobile
Cronaca

Caso Abete, indagato l'inviato di Striscia e due funzionari della Questura di Avellino

Per la celeberrima "pigna" all'allora Ministra della Pubblica Istruzione Stefania Giannini

La Procura, nella giornata di oggi, ha chiuso le indagini per i fatti relativi al 14 ottobre 2016. Ricordiamo tutti il caso di Luca Abete e il tentativo dell'inviato irpino di consegnare la sua pigna all'allora Ministra della Pubblica Istruzione Stefania Giannini. Ora, per l'inviato irpino di Striscia la Notizia, è arrivata l'accusa di oltraggio a pubblico ufficiale.  

Accuse pesanti, ancora, quelle piovute su di un vicequestore, che dovrà rispondere di minacce aggravate. Stesso discorso per un altro funzionario, accusato, invece, di falsità ideologica.  

Le indagini sulla vicenda saranno condotte dal sostituto procuratore, Antonella Salvatore. L'accusa di oltraggio a pubblico ufficiale, per Luca Abete, nasce dal fatto che l'inviato di Striscia non si sarebbe allontanato nonostante la richiesta degli agenti. Uno dei due funzionari della Questura, invece, ha minacciato più volte l'inviato irpino. Gli indagati, adesso, avranno a disposizione venti giorni di tempo per presentare le memorie difensive o richiedere di essere interrogati dal pubblico Ministero. Poi toccherà alla Procura decidere se rinviare a giudizio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Abete, indagato l'inviato di Striscia e due funzionari della Questura di Avellino

AvellinoToday è in caricamento