rotate-mobile
Cronaca

Inchiesta ex-Isochimica: premiato il procuratore Cantelmo

Il riconoscimento per l’edizione di quest’anno del Premio “Ambiente e Legalità”

La lunga inchiesta sull’Ex Isochimica ha concesso il riconoscimento per l’edizione di quest’anno del Premio “Ambiente e Legalità” al Procuratore capo Rosario Cantelmo e all’aggiunto Roberto Pascot della Procura della Repubblica di Avellino. Non solo, sindaci, giornalisti, magistrati e forze dell’ordine sono stati premiati per il loro impegno nella lotta all’ecomafia in questo Festival nazionale a Rispescia (Grosseto).

Ecco le dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa da Rosario Cantelmo:

“E’ assurdo che per circa 20 anni la società civile di Avellino non abbia detto nulla per contrastare questa situazione. Sono emozionato per questo riconoscimento che premia un ufficio così piccolo come quello del capoluogo irpino. L’Isochimica è uno stabilimento che si trova al centro della città, accanto a una scuola, c’è un campo di calcio, c’è una chiesa, luoghi che anche i ragazzini frequentano. All'interno sono interrati un milione e seicentomila chili dell’amianto più pericoloso, il crocidolite. Un solo grammo di questa sostanza può degenerare in patologie come l’asbestosi - chiude citando il giudice Borsellino - dovrà arrivare il libeccio che farà passare quest’afa asfissiante”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta ex-Isochimica: premiato il procuratore Cantelmo

AvellinoToday è in caricamento