rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

Inchiesta "Dolce Vita": la Procura trasmette gli atti alla Commissione Antimafia

Sono attesi per martedì gli interrogatori di garanzia per gli indagati

Il 18 aprile, in concomitanza con l'emissione della misura cautelare ai domiciliari nei confronti dell'ex sindaco di Avellino, Gianluca Festa, Chiara Colosimo, presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, ha dichiarato che la Commissione è al lavoro su un'indagine che include anche il caso di Avellino. La Commissione parlamentare antimafia ha richiesto alla Procura di Avellino, guidata da Domenico Airoma, di fornire gli atti dell'inchiesta che ha portato all'arresto del sindaco dimissionario Gianluca Festa, dell'ex dirigente comunale Filomena Smiraglia e dell'architetto Fabio Guerriero. La Commissione, valutando tali documenti, potrà procedere con ulteriori approfondimenti sull'indagine, anche tramite l'audizione degli investigatori e degli inquirenti. La Procura di Avellino ha confermato che gli atti dell'inchiesta saranno trasmessi alla Commissione parlamentare nel minor tempo possibile. Per il sindaco dimissionario e gli altri due arrestati è previsto un interrogatorio di garanzia per martedì 23 aprile. Le accuse nei confronti di Festa includono presunti episodi di corruzione, concorsi pilotati, irregolarità negli affidamenti e negli appalti, oltre a ipotesi di depistaggio, inquinamento delle prove e rivelazione del segreto di ufficio.

La complessa inchiesta "Dolce Vita" 

Come è noto, gli arresti dei tre indagati, costituiscono solo una parte di un'indagine più ampia, ancora in corso, durante la quale sono state intraprese azioni per evitare la corretta valutazione delle prove e per ottenere informazioni sulle indagini in corso. Dagli indizi raccolti finora dai Carabinieri e dalla Procura di Avellino, emerge una serie di condotte illegali da parte di "pubblici ufficiali infedeli", che hanno abusato delle loro funzioni a vantaggio di singoli cittadini o imprenditori, trascurando completamente i principi di imparzialità nell'azione amministrativa, come affermato dal Giudice per le Indagini Preliminari Giulio Argenio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta "Dolce Vita": la Procura trasmette gli atti alla Commissione Antimafia

AvellinoToday è in caricamento