menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza sul lavoro, il caso dei mancati controlli proprio all'Inail

Il reportage pubblicato da il settimanale Il Ponte diretto da Mario Barbarisi

Lavoro insicuro, al  centro  dell’inchiesta  ancora  una  volta  finisce la  sede  Inail  di  Avellino  e  numerosi  cantieri sparsi per la città. Il reportage è stato redatto da il settimanale Il Ponte, diretto da Mario Barbarisi. L’articolista spiega: Sicurezza sul lavoro, Sicurezza e Lavoro: che belle parole, facili da usare, da sole, singolarmente, o insieme,  ma è difficile dare loro un senso compiuto, non astratto.   Almeno una volta all'anno capita di leggere sui Media di  lavoro,  disoccupazione, di infortuni e  di morti bianche. Spesso si tratta di numeri provenienti da statistiche, da ricerche, eppure dietro ciascun numero c'è sempre una persona, una vita umana. Spesso dimentichiamo che la persona, in una società attenta, e soprattutto civile, va posta al centro, perché essa costituisce il fulcro di ogni azione quotidiana.

Spesso la diffusione di numeri, divulgati a mezzo stampa, nasconde una passerella, politica o sindacale, in realtà un pizzico di protagonismo è anche tollerabile, rientra tra le attribuzioni di merito, ciò che invece non è affatto sopportabile è la mancata presa di coscienza dell'insieme dei fenomeni negativi legati al mondo del lavoro e della produzione: l'aumento della disoccupazione ha fatto crescere il lavoro nero, il lavoro sottopagato, il lavoro senza norme di sicurezza, spesso a farne le spese non è solo la parte contributiva, che il datore è tenuto a versare, ma la dotazione  tecnica per il rispetto delle norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

E' il "prezzo" che si paga per poter essere competitivi sul mercato: meno si spende per la Sicurezza e per le tasse e più il datore di lavoro guadagna. In alcuni casi, il mancato rispetto delle norme di sicurezza è dovuto alla mancata conoscenza della gravità dei rischi e delle conseguenze. Per dimostrare quanto sia diffuso il fenomeno delle irregolarità,   mostriamo le immagini a partire dal nostro territorio, Avellino e provincia. Partiamo dal simbolo, da quello che dovrebbe costituire l'esempio per antonomasia dell'antinfortunistica: l'INAIL, ISTITUTO NAZIONALE INFORTUNI SUL LAVORO.

Come può un Ente che ha il compito di vigilare sulla correttezza altrui, che    effettua controlli severi e multe sui cantieri, non accorgersi di avere il "malato" in casa propria?”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, 67enne deceduta al Moscati

  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, due anziani deceduti al Frangipane

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento