menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vestito da sarto pronto a commettere furti a Monteforte: arrestato

In particolare i militari del dipendente NORM - Aliquota Radiomobile, nel perlustrare le vie del comune di Monteforte Irpino, nella zona di via Taverna Campanile, hanno notato il soggetto suindicato mentre scavalcava la recinzione di un'abitazione

Nella notte scorsa, i Carabinieri della Compagnia di Baiano nell’ambito dei predisposti servizi finalizzati al contrasto dei furti in genere, con particolare riguardo a quelli in abitazione, hanno tratto in arresto un 46enne pregiudicato, con precedenti specifici, proveniente dal Vallo di Lauro (AV), per furto in abitazione e ricettazione.

In particolare i militari del dipendente NORM – Aliquota Radiomobile, nel perlustrare le vie del comune di Monteforte Irpino, nella zona di via Taverna Campanile, hanno notato il soggetto suindicato mentre scavalcava la recinzione di un’abitazione e rapidamente saliva a bordo di un’autovettura, ivi parcheggiata in maniera defilata, cercando di allontanarsi velocemente. I militari, che avevano assistito alla scena, si ponevano all’inseguimento del veicolo e lo tallonavano riuscendo a spingerlo verso un vicolo cieco dove veniva bloccato.

Il soggetto alla guida, vistosi ormai alle strette, non opponeva nessuna forma di resistenza. I militari operanti procedevano nell’immediatezza ad una perquisizione personale e veicolare rinvenendo: una somma di denaro di circa € 800 unitamente ad un orologio di valore di un noto marchio, il tutto costituente la refurtiva asportata poco prima da un’abitazione di Monteforte Irpino; numerosi attrezzi atti allo scasso quali: tenaglia, martello, diversi cacciavite, alcuni coltelli, una lampada autoalimentata a bassa intensità; una pistola a piombini.

Il malfattore, per riuscire ad eludere eventuali controlli, aveva anche escogitato un singolare sistema: si era improvvisato sarto e si era artigianalmente confezionato un gilet da lavoro, aggiungendo a mano alcune tasche interne “segrete” ove occultare la refurtiva e gli arnesi del mestiere, necessari a forzare porte e finestre per poi procedere a svaligiare le case degli onesti cittadini. Addosso al predetto veniva trovata anche una pistola  a piombini, priva del previsto tappo rosso all’estremità della canna, motivo per cui è da ritenere che volesse usarla per spaventare le vittime delle azioni furtive e scoraggiarle nel caso intendessero reagire.

A seguito degli accertamenti l’autovettura utilizzata dal pregiudicato in questione è risultava essere stata rubata alcuni giorni fa nell’hinterland Nolano (NA).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento