Rubarono nella chiesa della Santissima Annunziata: assolti

Ribaltata la sentenza iniziale

L'accusa mossa nei loro confronti era di aver sottratto un calice di ottone e argento, del valore complessivo di circa mille euro, dalla chiesa Maria Santissima Annunziata di Pietrastornina. In primo grado erano stati condannati. Una decisione basata principalmente sulle intercettazioni ambientali provenienti dall'auto di uno dei due protagonisti della vicenda. In un primo momento, le registrazioni erano state ritenute ammissibili perché la chiesa era stata considerata “luogo di privata dimora”. In base alla legge, la flagranza del reato in questi luoghi, permette anche l'utilizzo di questi strumenti. Adesso, invece, la Corte d'Appello di Napoli ha ribaltato la sentenza assolvendo gli imputati e ritenendo che la chiesa non fosse annoverabile quale luogo di privata dimora.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus: è gravissimo al "Moscati"

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Dramma in Irpinia, il comandante dei carabinieri è stato trovato senza vita

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Riapre Aloha ad Avellino, nuova sede e golose sorprese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento