menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ultimo saluto a Valentina, Vallata le dedicherà una strada

Il sindaco di Vallata di Avellino, paese di origine della famiglia, Giuseppe Leone, che promette: "Le dedicheremo una strada in paese al più presto"

Parenti, amici, conoscenti, persone del quartiere: centinaia di persone hanno voluto partecipare all'ultimo saluto a Valentina Gallo, la studentessa erasmus di 22 anni morta nell'incidente di Tarragona, in Spagna. La chiesa del Sacro Cuore al Romito era gremita, e tante persone hanno dovuto aspettare fuori.

"Quando si spegneranno i riflettori su questa vicenda, non lasciate sola la famiglia nel momento del dolore", dice il parroco don Paolo Capecchi verso la fine dell'omelia, durata quasi un'ora. Tra i presenti, oltre alla famiglia, la madre Giulietta, il padre Gerardo, il fratello Alessio, c'è il rettore dell'Università di Firenze, che Valentina Gallo frequentava, Luigi Dei. Ci sono i suoi predecessori Alberto Tesi e Augusto Marinelli, il sindaco Dario Nardella, la vice presidente della Regione Monica Barni, il cardinale di Firenze Giuseppe Betori, il sindaco di Vallata di Avellino, paese di origine della famiglia, Giuseppe Leone, che promette: "Le dedicheremo una strada in paese al più presto".

All'uscita la madre, il padre, i familiari e le persone più care si avvicinano ancora alla bara per porgere un ultimo saluto. "Sognava da anni di fare l'esperienza Erasmus - commenta la madre, con grande dignità tra i tanti che la abbracciano -. Quando siamo andati a Barcellona a prendere le cose di Valentina mi guardavo intorno e pensavo alle migliaia di giovani che lo vorranno fare". Quando si chiude il portellone dell'auto funebre sono passate le 13.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento