Cronaca Casola

Nessun funerale cattolico per la mamma della jihadista Fatima

La sorella ha chiesto di celebrare il funerale cattolico ma la curia si è opposta. Assunta tornerà davanti a Dio attraverso il rito della fede che aveva abbracciato: l'islamismo

Si tinge di giallo il funerale di Assunta Buonfiglio, la donna 60enne originaria di Domicella e mamma di Maria Giulia, alias Fatima, partita per la Siria nel settembre del 2014 ed accusata insieme alla sua famiglia di terrorismo. Neanche con la morte la donna riesce a trovare eterno riposo.

Una sorella affranta, ha chiesto di celebrare il funerale con il rito cattolico ma le è stato negato dalla Diocesi di Nola. "Non si tratta assolutamente un giudizio sulla persona o su ciò che è successo a lei ed ai suoi familiari", precisa don D’Onofrio, "semplicemente la Chiesa non può imporre i propri riti. Sarebbe un abuso. Forse per la sorella di Assunta chiedere il funerale cattolico è stato un gesto spontaneo, in un momento di forte dolore come quello della morte di un familiare". 

Alla donna, poi deceduta, erano stati concessi gli arresti domiciliari da parte del gip milanese Alfredo Moccia, da scontare a casa della madre 90enne a frazione Casola. La mamma aveva posto come condizione per ospitarla che la donna abiurasse definitivamente l’islam.

Vicenda intricata, quella di Assunta Buonfiglio. Il 21 agosto scorso in una lettera alla famiglia dal carcere scriveva: "Mia cara mamma, sorella e nipoti, come state, state tutti bene, io non posso dire meglio, mi ha preso la malinconia, il nervoso mi prende allo stomaco, ho sempre il tremolio, spero solo del mio Signore che non divento matta". Tutto faceva presagire di essere di nuovo diventata cattolica. Un’espressione che però, spiegano dalla Curia di Nola, "è fin troppo generica per poter concedere il funerale cattolico".

Assunta tornerà davanti a Dio attraverso il rito della Fede che aveva abbracciato: l'islamismo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun funerale cattolico per la mamma della jihadista Fatima

AvellinoToday è in caricamento