menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frode fiscale da 300 milioni di euro, in manette tre imprenditori

Gli arrestati provengono da Avellino e Cervinara

Una frode fiscale enorme. Un bottino da 300 milioni che recita 60 milioni di Iva evasa e 25 milioni di imposte sui redditi sottratte al fisco. La Guardia di Finanza ha messo le manette a tre imprenditori irpini, uno di Cervinara e due di Avellino. Il sistema criminale è stato scoperto dal l Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Como - in collaborazione con l'Agenzia delle dogane e con il coordinamento della Procura della Repubblica di Como (pm Giuseppe Rose).

Sono state eseguite 17 ordinanze di custodia cautelare, di cui otto in carcere e nove agli arresti domiciliari. L'indagine in auge ha raggiunto la Svizzera, la Spagna, l’Austria, la Slovacchia e Malta. Tra i reati commessi spiccano l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta, omessa dichiarazione, dichiarazione infedele per evadere le imposte. Il sistema di frode è stato realizzato mediante la costituzione, in diverse zone del Paese di società cartiere, cioè realizzate col solo scopo di emettere fatture inesistenti e prive di ogni struttura logistica situate nel Napoletano, a Roma e in provincia di Salerno. Le società filtro utilizzate hanno sede in varie parti d'Italia, Verona, Castel d'Azzano Nola, Roma, Pozzuoli, Napoli, Cervia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento