menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Convento degli orrori di Frigento: le palpatine di Padre Manelli

L'inchiesta della Procura di Avellino va avanti. E Barbara d'Urso che segue assiduamente il caso, durante la trasmissione Pomeriggio 5 svela nuovi retroscena

Se ad Avellino e provincia il caso del convento degli orrori di Frigento non suscita interesse non si può dire per i media nazionali. L'inchiesta della Procura di Avellino va avanti. E Barbara d'Urso che segue assiduamente il caso, durante la trasmissione Pomeriggio 5 svela nuovi retroscena che fanno parte del corposo fascicolo dell'accusa. Dopo le regole interne, spuntano le penitenze alle quali dovevano sottostare le suore: dal cilicio alla spugna in ferro. Ma non è finita. Perchè secondo quanto raccontato dalla conduttrice  Padre Manelli era abituato a "palpare" le suore al seno, con la scusa di toccare un cuore che portavano al petto. 

Sempre nel corso della trasmissione di Canale 5, Barbara d’Urso è tornata a parlare del giovane frate che era nell’Ordine religioso di Padre Manelli. Fra’ Pietro ora si troverebbe in Cornovaglia e questa mattina le telecamere della trasmissione si sono recate a casa della madre Elena, la quale nei giorni scorsi in trasmissione aveva denunciato i comportamenti di Padre Manelli. Il figlio, venuto a conoscenza della presenza della madre in tv al telefono è apparso incredulo e ha ritenuto non importante tornare in Italia in occasione della laurea della sorella. ‘Sono molto deluso…’, ha detto alla madre in merito alla sua ospitata in tv. Il frate ha messo in dubbio le testimonianze delle religiose finora venute alla luce, prendendo le difese di Padre Manelli: ‘Tu non conosci niente di Padre Stefano’.

E di Padre Manelli non ci sono più tracce in quel di Frigento. Si sarebbe spostato a San Giovanni Rotondo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento