menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I genitori di Francesco Estatico: "Grazie allo Stato per aver salvato nostro figlio"

Nel giorno della liberazione di Francesco Estatico, fatto prigioniero da un gruppo di attivisti ucraini, il deputato irpino del Movimento 5 Stelle Carlo Sibilia fa sapere di aver depositato come primo firmatario un'interrogazione indirizzata ai Ministro degli Affari Esteri e della Difesa per fare piena luce sul caso del 23enne di Avella

Finalmente ritorna alla normalità la vita dei coniugi Estatico di Avella. Il figlio Francesco non l'hanno ancora potuto abbracciare. E' a Brescia dalla sorella.

I genitori Gennaro e Angela dopo la tormentata vicenda in Ucraian tramite un comunicato stampa ringraziano quanti gli sono stati vicini: "dal sindaco di Avella, Avv. Domenico Biancardi, che ha diramato la positiva notizia inerente nostro figlio FrancescoInoltre, ringraziamo lo stesso primo cittadino per il notevole impegno profuso e per la grande vicinanza mostrata nei momenti difficili, vissuti nei giorni scorsi. Desideriamo rivolgere un sentito ringraziamento anche a tutte le altre autorità centrali e locali, agli amici, ai conoscenti e a tutti coloro che hanno fatto sentire forte il loro calore umano e la loro intima vicinanza. Questa buona notizia ci riempie di grande gioia, restituendo serenità, fiducia e speranza alla nostra famiglia, in attesa di poter abbracciare nostro figlio Francesco".

La grande paura, lo spettro di non vedere tornare a casa Francesco Estatico, è passata.

Nel giorno della liberazione di Francesco Estatico, fatto prigioniero da un gruppo di attivisti ucraini, il deputato irpino del Movimento 5 Stelle Carlo Sibilia fa sapere di aver depositato come primo firmatario un’interrogazione indirizzata ai Ministro degli Affari Esteri e della Difesa per fare piena luce sul caso del 23enne di Avella. "All'indomani della diffusione della notizia della scomparsa del giovane - dichiara il parlamentare avellinese - mi sono attivato presentando un atto di sindacato ispettivo al fine di chiarire una vicenda che con il passare delle ore assumeva contorni misteriosi. Secondo una prima ricostruzione, infatti, Francesco era entrato in Ucraina per unirsi alle milizie eparatiste filorusse. Un blog straniero lo indicava, invece, come paracadutista del reggimento Folgore di Siena. Circostanza, questa, subito smentita dallo Stato Maggiore della Difesa". "Sono contento per il lieto epilogo - conclude Sibilia - e mi auguro che i Ministri vogliano rispondere alla mia interrogazione in maniera puntuale in modo da non lasciare nessun margine di dubbio su come sia andata la vicenda, che per fortuna è finita nei migliori dei modi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento