menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabinieri l'arma in più per sconfiggere il malaffare

Si è festeggiato ad Avellino il 201esimo anniversario. Consegnati riconoscimenti ai militari autori di importanti indagini. L'arma dei carabinieri continua il suo impegno sul territorio

Alla festa dell'Arma di Carabinieri ci sono tutte le autorità: dal prefetto di Avellino Carlo Sessa, il sindaco di Avellino, Paolo Foti, il presidente della Provincia, Domenico Gambacorta, S.E. l’Arcivescovo Metropolita Mons. Francesco Marino, l'Abate di Montevergine, Don Riccardo Luca Guariglia, il Presidente del Tribunale di Avellino Michele Rescigno, il Procuratore della Repubblica di Avellino, Rosario Cantelmo, il Questore Maurizio Ficarra, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza,  Antonello Mancazzo, dei Comandanti Provinciali del Corpo Forestale dello Stato e dei Vigili di Fuoco, dei responsabili delle altre Forze di Polizia e Forze Armate, e di numerose altre autorità civili, militari e religiose, di una rappresentanza del personale della sede e dell’Associazione Nazionale Carabinieri nonché degli orfani e delle vedove dell’Opera Nazionale di Assistenza.

Il Comandante Provinciale, Col. Francesco Merone, nel corso del suo indirizzo di saluto, ha sottolineato che “…sentiamo vicini i cittadini, la comunità nel loro sentimento d’affetto, nella loro calorosa intesa con tutti noi Carabinieri, anche se non sono qui presenti..”. Un particolare pensiero è stato rivolto alle vedove e agli orfani dei militari dell’Arma “..testimoni silenziosi del ricordo e della riconoscenza che nutriamo nei loro confronti, esempi che ci fanno quotidianamente riflettere e scuotono le nostre coscienze”.

La breve cerimonia ha avuto inizio con gli onori al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Avellino per poi proseguire con la lettura dell’Ordine del Giorno del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A Tullio Del Sette e, prima dell’indirizzo di saluto del Col. Francesco Merone, con la lettura della Preghiera del Carabiniere e gli onori ai caduti con la deposizione della Corona .

Al termine sono stati consegnati i riconoscimenti concessi ai militari del Comando Provinciale di Avellino che si sono distinti nell’attività istituzionale.Tante sono state le operazioni condotte quest’anno (raccolte in un voluminoso resoconto di 25 pagine), sul fronte del contrasto alla criminalità, che non solo hanno avuto anche grande risalto sugli organi di informazione ma hanno soprattutto restituito serenità a comunità impaurite, assicurando alla giustizia gli autori di crimini anche efferati. Statistiche che sottolineano un quadro di efficienza del “sistema sicurezza” nella nostra provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento