Falsi positivi al Moscati: la Procura apre l'inchiesta

I Carabinieri hanno acquisito tutti gli atti utili

La Procura della Repubblica di Avellino ha aperto un’inchiesta sulla vicenda della falsa positività degli otto operatori sanitari del “Moscati”. I Carabinieri di Avellino, nelle scorse ore, hanno acquisito presso l'azienda ospedaliera tutti i documenti legati a quello che poi si è rivelato un errore da parte del laboratorio dello stesso Moscati. Otto i tamponi processati male, tutti di persone dipendenti del Moscati, anche se solo in 7 sono residenti in Irpinia. L'errore è stato scoperto dopo che il Moscati ha sottoposto nuovamente i presunti affetti da Coronavirus a tampone, con la differenza che le analisi sono state effettuate dal Cotugno di Napoli.  Uno dei tamponi, processati dal laboratorio partenopeo, avevano restituito un caso positivo al Gene "N". Anche su questo caso la Procura vuole fare chiarezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le strisce pedonali colorate sono pericolose: multato il Comune di Avellino

  • Coronavirus, gli irpini scelgono di tenere la mascherina: ecco cosa comporta non indossarla

  • Bonus per i nonni irpini che accudiscono i nipoti, ecco come funziona

  • Neonato morto a poche ore dalla nascita: denunciati medici del Moscati

  • Avellino, violenta rissa in pieno centro

  • Chiude il Bar Excelsior, un punto di riferimento per i pendolari avellinesi

Torna su
AvellinoToday è in caricamento