rotate-mobile
Cronaca

Europee, Commissione Antimafia, sette i candidati 'impresentabili': c'è anche D'Agostino

Si tratta di persone che si sono presentate in violazione del codice di autoregolamentazione dei partiti, secondo quanto ha reso noto la presidente della Commissione Antimafia Chiara Colosimo leggendo i loro nomi

Sono sette i candidati alle prossime elezioni europee risultati 'impresentabili', dalle verifiche svolte dalla Commissione parlamentare Antimafia, in violazione del codice di autoregolamentazione. Lo ha comunicato la presidente della Commissione Antimafia Chiara Colosimo nell’ambito della seduta plenaria della Commissione riferendo l’esito dei tradizionali controlli sui cosiddetti 'impresentabili'.

Tra gli 'impresentabili' anche D'Agostino

Dalle verifiche della Commissione, ha riferito Colosimo, risultano "in violazione del codice di autoregolamentazione sette candidature" aggiungendo che si tratta delle candidature di: Angelo Antonio D'Agostino candidato Fi-Noi moderati-Ppe nella circoscrizione Italia Meridionale, Marco Falcone candidato Fi-Noi Moderati-Ppe per la circoscrizione Italia insulare, Alberico Gambino candidato Fdi nella circoscrizione Italia Meridionale, Filomena Greco candidata per Stati Uniti d'Europa nella circoscrizione Italia meridionale, Luigi Grillo candidato per Fi-Noi moderati-Ppe nella circoscrizione Italia Nord occidentale, Antonio Mazzeo candidato Pd nella circoscrizione Italia centrale e Giuseppe Milazzo candidato FdI nella circoscrizione Italia insulare. C’è anche Angelo Antonio D’Agostino, dunque, nella lista dei sette candidati impresentabili che compaiono sulle liste delle elezioni europee dell’8-9 giugno. 

Colosimo: "Invertita tendenza"

"Sono particolarmente contenta perché in questo mio primo anno di presidenza siamo riusciti a invertire la tendenza: quella di non dare i nomi degli 'impresentabili' il giorno prima o pochi giorni prima del voto", afferma Chiara Colosimo, al termine della seduta della stessa Commissione. "Lo abbiamo fatto grazie al lavoro, a cui tengo particolarmente fare un ringraziamento, della Direzione nazionale Antimafia e del procuratore nazionale Antimafia che ci hanno trasmesso gli elenchi in tempo congruo per verificarli a nostra volta grazie al lavoro dei magistrati consulenti in Commissione - osserva Colosimo - Questo permette una corretta informazione a chi andrà a votare". In generale secondo Colosimo "bisogna ritornare al controllo preventivo, cioè prima della presentazione delle liste" ma "ogni partito giustamente fa le sue valutazioni". La Commissione intanto è al lavoro sulla modifica del codice di autoregolamentazione: "Le modifiche sono state già presentate e a mio avviso la discussione per portarle a versione definitiva deve essere rapida".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europee, Commissione Antimafia, sette i candidati 'impresentabili': c'è anche D'Agostino

AvellinoToday è in caricamento