Per gli affiliati al clan Graziano è il giorno del Riesame

Prosegue senza sosta l'inchiesta per estorsione

Nella giornata di oggi sarà celebrata l'udienza del Riesame per quanto concerne l'inchiesta per estorsione portata avanti dalla Procura di Napoli. L'inchiesta in auge aveva condotto all'arresto di cinque persone vicine al clan Graziano.

I legali della difesa affilano gli artigli

Oggi, la difesa degli indagati, rappresentata, tra gli altri, da Raffaele Bizzarro, cercherà di impugnare le misure cautelari e di smontare le pesanti accuse rivolta agli indagati. Non si esclude, infine, che i Pm Luigi Landolfi e Simona Rossi possano depositare nuovi atti sull'inchiesta.

L'estorsione e poi gli arresti

La vicenda è iniziata il 1 agosto scorso, quando i Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino hanno eseguito cinque misure cautelari per estorsione aggravata dal metodo mafioso nel Vallo di Lauro e nella provincia di Verona (dove si trovava, per svolgere delle cure mediche, uno degli arrestati). Il procedimento ha riguardato i fratelli Fiore e Salvatore Graziano, 46 e 48 anni, ritenuti elementi di spicco del clan Graziano, Domenico Desiderio e Antonio Mazzocchi, imprenditori di onoranze funebri, e Domenico Ludovico Rega, altro esponente del clan Graziano. 

Tutto nasce dalla scarcerazione di Cava Jr. 

Tutto è partito con la scarcerazione di Salvatore Cava, figlio del boss Biagio, morto di tumore dopo una lunga detenzione in regime di 41 bis. Questo, di fatto, ha dato nuova linfa a una faida, quella con il clan Graziano, che va avanti da oltre quarant’anni. Il nucleo speciale dei Cacciatori del Gargano ha battuto ogni centimetro dei boschi tra Quindici e Lauro e, qui, è stato ritrovato un manichino di donna, con un nastrino azzurro in vita e due fori di proiettile (sparati con un fucile di precisione) all’altezza del cuore.  

I familiari di Cava erano l'obiettivo

Gli inquirenti della Dda di Napoli, in brevissimo tempo, hanno individuato, come obiettivi dell’agguato, Salvatore Cava e la moglie. Le accuse di estorsione aggravata dal metodo mafioso, nascono da una serie di attentati e minacce compiuti nel Vallo di Lauro, nello specifico, contro un’impresa di pompe funebri di Domicella. 

I Graziano hanno preteso una tangente da 100mila euro; minacciando continuamente i dipendenti, fino ad arrivare a sparare contro il cancello della ditta. Modus operandi, questo, rivolto anche nei confronti di un’impresa edile incaricata di realizzare i lavori per un parcheggio che sarebbe dovuto nascere proprio nei pressi dell’impresa funebre di Domicella. I fatti sono avvenuti tra il 2017 e il 2018 e, grazie ad alcune intercettazioni ambientali e telefoniche, il cerchio si è chiuso. La Dda non ha perso tempo e ha immediatamente allertato le prefetture di Napoli e Avellino per scongiurare il rischio di nuovi agguati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto per la famiglia Pennella: Peppino tradito dalla sua passione per la foto

  • La "Masi" anticipa l'uscita per il terremoto, la dirigente rimuove il responsabile 

  • Mangiano e dormono all'agriturismo e poi scappano senza pagare

  • L’irpina Enrica Musto commuove il pubblico di “Tu si que vales”

  • Trovato il cadavere di un 51enne in un appartamento

  • Le mitiche sfogliatelle di Carraturo, inaugurato il nuovo punto vendita a Torrette di Mercogliano

Torna su
AvellinoToday è in caricamento