rotate-mobile
Cronaca

Emergenza idrica, ennesima giornata nera in Irpinia: manca l'acqua anche ad Avellino

Il disservizio interesserà molte zone del capoluogo e alcuni paesi della provincia a partire dalle 22 di stasera. Eppure, ieri, il Governatore De Luca aveva affermato che "non vi sono emergenze"

Ennesima giornata nera per l'Irpinia e per la sua comunità. Diversi comuni della provincia, tra cui anche il capoluogo Avellino, saranno privati dell'acqua a partire dalla serata di oggi.

Forti assorbimenti idrici nel capoluogo e in altri comuni

I problemi più gravi si verificheranno proprio ad Avellino, dove la sospensione idrica sarà estesa a molte aree della periferia avellinese. Ecco la nota dell'Alto Calore Servizi: "Si comunica che a seguito del verificarsi di forti assorbimenti idrici, sarà effettuata la sospensione idrica dalle ore 22.00 del 03/08/2022 fino alle ore 06.00 del 04/08/2022 alle seguenti zone":

  • Rione San Tommaso (Tutto);
  • Quartiere Q9;
  • C.Da S.Oronzo;
  • Via De Meo;
  • Prefabbricati Quattrograne;
  • C.Da Chiaire;
  • C.Da Bagnoli;
  • Via Selve;
  • C.Da Acqua Del Paradiso;
  • C.Da Colle Dei Monaci;
  • Bosco Dei Preti.

Sospensione Idrica Avellino 03-08-2022

Forti assorbimenti idrici: problemi in altri sei comuni irpini

Altri disservizi si verificheranno nei seguenti comuni irpini

Rottura condotta idrica a Ospedaletto d'Alpinolo: operai al lavoro per risolvere il problema

Problemi anche a Ospedaletto d'Alpinolo dove, sempre secondo quanto comunicato dall'Alto Calore Servizi: "Si comunica che causa rottura rete idrica in località via Montevergine del Comune di Ospedaletto, potrebbero verificarsi disfunzioni idriche zone alte del Comune di Ospedaletto d’Alpinolo. I lavori sono in corso, si prevede il ripristino nella tarda mattinata del 03/08/2022".

Rottura Condotta Ospedaletto d'Alpinolo 03-08-2022

Eppure, De Luca ha detto: "Non abbiamo registrato emergenze"

Un'intera provincia, insomma, messa in ginocchio quotidianamente da un'emergenza che, giorno dopo giorno, si aggrava. Eppure, in occasione della conferenza stampa di presentazione del Piano Idrico della Regione Campania tenutasi nella giornata di ieri, il Presidente Vincenzo De Luca ha dichiarato: "Come sapete, la Campania non ha registrato emergenze per quanto riguarda le forniture idriche, né per quanto riguarda l'uso potabile, né per quanto riguarda quello agricolo o industriale. Siamo in una situazione di normalità".

La realtà degli ultimi giorni − non ce ne voglia il nostro caro Governatore − smentisce categoricamente quanto affermato 24 ore fa circa. Problemi ormai annosi, che si ripetono estate dopo estate, giorno dopo giorno, e che vanno ad aggiungersi alla situazione alquanto enigmatica e delicata dell'Alto Calore, creando disagi a intere comunità e privandole di un bene essenziale, quale l'acqua, mai come in questi momenti indispensabile per soddisfare i bisogni e le esigenze dei nostri cittadini.

Soprattutto in queste occasioni, ci si chiede se l'Irpinia − così come il Sannio, anch'esso flagellato da questa vera e propria piaga − sia considerata parte integrante della Regione Campania, o sia relegata al rango di territorio secondario, in termini di servizi e infrastrutture. Probabilmente, nei prossimi mesi, scopriremo se il Piano Idrico tanto decantato dalla Giunta Regionale vedrà luce anche nelle aree interne, o resterà un mero progetto sulla carta. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza idrica, ennesima giornata nera in Irpinia: manca l'acqua anche ad Avellino

AvellinoToday è in caricamento