rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca

Emergenza furti, i residenti di Contrada Archi sul piede di guerra: "L'illuminazione pubblica non funziona"

Per quanto riguarda i furti in appartamento, le vacanze natalizie sono state un “bagno di sangue” per Avellino e provincia: "Una strada buia è una strada pericolosa"

Per quanto riguarda i furti in appartamento, le vacanze natalizie sono state un “bagno di sangue” per Avellino e provincia. Una escalation di episodi delittuosi che ha letteralmente seminato il panico tra i residenti. Gran parte dei reati, nello specifico, sono stati commessi nella zona di Contrada Archi ad Avellino. I ladri sono entrati in azione anche presso la residenza di Michela Mancusi, presidente di “Zia Lidia Social Club” ed ex assessore al Comune di Avellino, sita all’interno del Parco Gilia. A nulla sono serviti i tentativi di sensibilizzare i cittadini a segnalare tempestivamente al 112 situazioni inconsuete. Ad ogni modo, continuano gli appelli delle forze dell’ordine a evitare di pubblicare sui social network i propri spostamenti o informazioni da cui poter far desumere periodi di assenza dalle proprie abitazioni: infatti tali elementi potrebbero essere utilizzati dai ladri in cerca di qualche facile obiettivo da colpire.

A Contrada Archi i pali dell’illuminazione ci sono ma non funzionano

Le forze dell’ordine continuano il loro lavoro di prevenzione e repressione dell’attività predatoria ma, questo, sembra non bastare. I furti proseguono e, i residenti di Contrada Archi, sembrano aver individuato nella scarsissima illuminazione le motivazioni che hanno reso cosi “appetibile” per i malintenzionati quella specifica zona del capoluogo. Nel dettaglio, la presenza di una 15ina di pali della pubblica illuminazione non funzionanti a causa della mancanza dei cavi di collegamento. Le responsabilità, per i residenti, sarebbero da ricercare nell’amministrazione comunale. Chiaramente, i ladri hanno approfittato dell'oscurità per procedere indisturbati. D'altra parte, senza luce, appare difficile risalire anche solo alle targhe delle automobili. La speranza, adesso, è che l’amministrazione comunale del capoluogo possa trovare in tempi rapidi una soluzione che possa riportare la luce nelle nostre vie: una strada buia è una strada pericolosa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza furti, i residenti di Contrada Archi sul piede di guerra: "L'illuminazione pubblica non funziona"

AvellinoToday è in caricamento