menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lutto a Sant'Angelo dei Lombardi, è morto l'italianista Dante Della Terza

Accademico italiano di fama internazionale, si è spento all'età di 96 anni

La comunità di Sant'Angelo dei Lombardi è in lutto per la scomparsa dell'accademico italiano Dante Della Terza, italianista di fama internazionale e insegnante alla Harvard University dal 1962 al 1993. Aveva 96 anni.

Laureatosi all'Università di Pisa e alla Scuola Normale Superiore sotto la guida di Luigi Russo, Della Terza vinse una borsa di studio di perfezionamento presso l'Università di Zurigo e in seguito insegnò per un certo periodo in Francia come assistente d'italiano presso un liceo di Tolosa. Tornato in Italia, vinse il concorso a cattedre di filosofia e storia nei licei; si stabilì quindi a Urbino ma, in seguito, prese servizio alla University of California di Los Angeles (dove conosce lo scrittore Pier Maria Pasinetti). Nel 1962 venne invitato da Renato Poggioli a insegnare alla Harvard University, dove poi restò fino al 1993, formando generazioni di studenti di tutti i livelli, dal BA al dottorato In seguito, insegnò per alcuni anni all'Università "Federico II" di Napoli. Di indirizzo essenzialmente storicistico, il pensiero critico di Dante Della Terza resta sempre e comunque aperto a prospettive filosofiche, che lo portano a dare profonda rilevanza al momento interpretativo sia per come si prefigura nel testo sia per come viene inteso dal lettore.

In una nota, l'amministrazione ha voluto ricordare il compianto italianista originario di Sant'Angelo dei Lombardi, famoso in tutto il mondo per le sue opere: "È con immensa commozione che comunichiamo la scomparsa di Dante Della Terza, cittadino onorario di questa comunità e grande italianista di fama internazionale. Della Terza ha sempre custodito con grande tenerezza il ricordo della sua prima gioventù trascorsa nel nostro paese, dove ha intrapreso la formazione che lo ha poi condotto verso orizzonti lontani. Siamo onorati e orgogliosi di appartenere alla stessa identità e alla stessa radice, e allo stesso tempo siamo fortemente emozionati del percorso che lo ha caratterizzato durante tutta la sua vita. Rimarrà sempre nella nostra memoria, e sarà sempre una delle personalità più autorevoli dello scenario intellettuale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento