menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Criminalità, Festa propone un "salto" ad Avellino e chiarisce su Libera

Le parole del primo cittadino

A conclusione del Consiglio comunale straordinario su “Emergenza Criminalità in Città, Sicurezza e Ordine Pubblico”, il sindaco Gianluca Festa ha fatto una sintesi sui lavori. Dopo aver ringraziato le altre Autorità Locali, le Forze dell’Ordine e gli esponenti dei Sindacati intervenuti, e aver ascoltato gli interventi dei singoli consiglieri, il primo cittadino ha detto: “Abbiamo assistito ad un Consiglio di grande qualità per la pacatezza degli interventi e per il contenuto delle proposte, ma anche per la volontà di trovare una coesione che ci deve contraddistinguere. Il tema non deve essere trattato tra pochi intimi, ma deve coinvolgere l’intera comunità”.

La parola chiave che il sindaco ha proposto è “salto” (da quello di categoria a quello di qualità) che diventa l’acronimo di Serietà, Attenzione, Legalità, Trasparenza e Onestà. Venendo agli impegni da assumere, il sindaco promuove la white list e il protocollo di sicurezza proposto dai sindacati, ma anche l’azione educativa nelle scuole e la firma del codice di condotta degli enti locali antimafia. Poi, un solo diktat: “Non fare polemiche”. Festa, in tal senso, accoglie le parole di Cipriano e dice: “Questa non è Avellino, la mia Avellino. Stanno succedendo cose strane, ma dobbiamo aver fiducia nelle Forze dell’ordine. Dobbiamo essere consapevoli che lo Stato è accanto a noi comunità”. Inoltre, il primo cittadino difende se stesso, la Giunta e tutta la maggioranza dagli attacchi della minoranza che ha lanciato l’accusa di “stare poco in periferia” ed ha invitato ad “una trasparenza” piena: “Questa amministrazione ha anticorpi per tenere lontana la criminalità, le tentazioni. Non temo nulla e garantisco per tutti”.

Infine il capitolo “Libera” verso la quale il sindaco dice di aver fatto solo una “puntualizzazione”: “Sbagliato dire che il male risieda sempre e solo nella politica e in chi amministra. Questo è sbagliato e lancia un cattivo messaggio. La politica non è il male, ma combatte questo male. Così si alimentano comportamenti sbagliati. Il lavoro di Libera è encomiabile, ma mi sarei aspettato vicinanza e non un attacco”. “Possiamo aprire – dice in chiusura – una pagina nuova. Una bella pagina di amministrazione seria, costruttiva, che ha voluto andare al centro del problema senza perdersi in inutili polemiche. Stiamo facendo compiere un SALTO alla nostra città”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento