Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Pratola Serra

Corruzione a Pratola Serra, Aufiero si difende: "Non ho mai preso, chiesto o ricevuto un solo euro"

La Compagnia Carabinieri di Mirabella Eclano ha proceduto alla notifica di due distinti “Avvisi di conclusione delle indagini preliminari ed Informazione di garanzia”, emessi - rispettivamente - dalla Procura della Repubblica di Napoli e dalla Procura della Repubblica di Avellino nei confronti di 19 persone

La Compagnia Carabinieri di Mirabella Eclano ha proceduto alla notifica di due distinti “Avvisi di conclusione delle indagini preliminari ed Informazione di garanzia”, emessi - rispettivamente - dalla Procura della Repubblica di Napoli e dalla Procura della Repubblica di Avellino nei confronti di 19 persone.
Entrambi i provvedimenti sono stati emessi a conclusione di una articolata attività investigativa condotta dai militari della predetta Compagnia e coordinata dai due Uffici Giudiziari, che ha permesso di fare luce, compatibilmente con la fase del procedimento penale, sull’amministrazione del comune di Pratola Serra nel periodo in cui i fratelli AUFIERO Emanuele ed Antonio ricoprivano le cariche di Sindaco e Presidente del Consiglio comunale (poi disciolto ai sensi dell’Art.143 TUEL dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ottobre 2020).

Riceviamo e pubbliche la nota dell'indagato, Antonio Aufiero: "Il sottoscritto Antonio Aufiero, in relazione agli articoli ed alla forte risonanza che tale vicenda sta avendo, intende rappresentare il suo  profondo stupore ed anche rammarico nel vedersi contestare tali e siffatte ipotesi accusatorie essendo totalmente estraneo ai fatti ipotizzati, non avendo mai e si sottolinea mai “preso, chiesto o ricevuto un solo euro” o altra utilità nella amministrazione della cosa pubblica. Non è la prima volta che vengono mosse accuse nei confronti dello scrivente per l’attività di amministratore del suo paese, che come ben noto si sono tutte e “dico tutte” concluse con sentenze di assoluzione, a dimostrazione dell’infondatezza delle ipotesi di reato contestate. Fermo quanto innanzi, comunque, si esprime la massima fiducia nell’operato degli organi della Magistratura avellinese e napoletana di cui mi pregio di conoscere le doti di imparzialità ed equilibrio, che da sempre ne caratterizzano l’operato, alle quali - come sempre fatto – si offre la più totale ed incondizionata disponibilità. Rappresento di aver conferito incarico all’ avv. Teodoro Reppucci, al fine di predisporre tutte le attività difensive per dimostrare la totale estraneità dello scrivente alle contestazioni ipotizzate", conclude

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione a Pratola Serra, Aufiero si difende: "Non ho mai preso, chiesto o ricevuto un solo euro"
AvellinoToday è in caricamento