Coronavirus Valle Caudina: "Siamo un'unica comunità, assumiamoci le nostre responsabilità"

Il sindaco di San Martino Valle Caudina fa il punto della situazione Covid

Basta inutili polemiche. È questo l'appello del Comune di San Martino Valle Caudina che dalla pagina Facebook invita la cittadinanza alla collaborazione e alla responsabilità. 

"Il covid19 è tra noi, è una realtà fattuale, fa parte del nostro quotidiano. Ci addolora constatare la perdita, nei giorni scorsi, di due persone, due nostri concittadini ai quali non è stato possibile porgere nemmeno un saluto.

 La signora Javier Califano, di origine anglosassone, sinceramente amorevole, sempre disponibile verso il prossimo e attenta alla tutela degli animali, si era da qualche anno ritrasferita a San Martino.

Il sig. Domenico Iuliano: sempre molto presente nella comunità: ex operaio, prima a Torino, poi a Pomigliano, uomo di sinistra , di partito, segretario dell' Auser Cgil, sempre attento alle rivendicazioni sociali e dei lavoratori, membro attivo del centro anziani, ha sempre cercato di dare il suo contributo alla vita del paese.

 Esprimiamo sincero cordoglio e affetto a queste famiglie, a chi in questo momento è in isolamento, ammalato o costretto ad abbassare la serranda: nessuno può chiamarsi fuori; nessuno è estraneo; nessuno è immune; ciascuno singolarmente e tutti siamo chiamati ad assumerci le nostre responsabilità.

In tutti i Comuni della Valle Caudina si registrano casi, e' un fatto.I sindaci, gli amici e colleghi sindaci ed amministratori dell'intera Valle Caudina, in questo momento storico stanno affrontando un evento mai verificatosi prima: una pandemia.

Ciascuno sta facendo, tra innumerevoli difficoltà, del proprio meglio per prendersi cura degli altri, per tutelare il bene collettivo, la salute e il benessere di tutti raccordandosi con gli organi ed istituzioni preposte.

La Valle Caudina è un' unica comunità, storicamente omogenea, legata da vincoli ascritti, di sangue, di parentela, ma anche di lavoro, di frequentazione, di gente che si incontra, si sposta, si conosce.

C'è un idem di sentire, un'identità di terra, il sentimento di uno è quello di tutti, così come lo è la paura, lo stato d'animo di questo momento, la preoccupazione, la tristezza per chi non ce la fa

Gli inviti alla prudenza, alla responsabilità, a comportamenti corretti e al distanziamento sociale, al momento, sono gli unici strumenti che possono aiutarci a contenere il fenomeno in attesa del vaccino, e intanto, a convivere con il virus.

Inutili, stupide, deleterie, sterili ed estranee alla nostra essenza di uomini sono le polemiche o la caccia agli untori.

Dobbiamo, ancora una volta, ricordarci chi siamo, quello che siamo: una comunità di gente seria, responsabile, orgogliosa, sobria, tenace, intelligente.

Tutti insieme ce la faremo!". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin, tra vecchie e nuove stelle ecco i migliori ristoranti campani

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • In Campania è stato raggiunto il picco dei contagi

  • Coronavirus in Irpinia, sono 194 i positivi di oggi: altri 38 ad Avellino

  • Rinviata l'apertura di Decathlon a Mercogliano

  • Coronavirus in Irpinia, sono 160 i positivi di oggi: altri 27 ad Avellino

Torna su
AvellinoToday è in caricamento