menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pio, dializzato e positivo al Covid, dimesso dal Moscati, l'appello della madre: "Aiutatemi a salvare mio figlio"

Queste sono state le dichiarazioni della madre rilasciate ai microfoni di Avellino Today. Anche la donna è affetta da Coronavirus e, pertanto, non può lasciare la propria abitazione per raggiungere il figlio in ospedale

Nella giornata di oggi, abbiamo ricevuto la richiesta d’aiuto di Rita, madre di Pio Stefanelli, un giovane trentenne ricoverato presso l’Ospedale Moscati di Avellino perché positivo al Covid-19. Pio, oltre ad aver contratto il virus che ha messo in ginocchio il mondo intero, è anche costretto a sottoporsi periodicamente all'emodialisi. Il suo stato di salute, dunque, appare molto precario.

Nonostante questo, però, l’Azienda Ospedaliera di Contrada Amoretta ha firmato le dimissioni del ragazzo; invitandolo, dunque, a continuare le cure per guarire dal Covid presso la sua abitazione. Una decisione che, ovviamente, non ha trovato il consenso di Pio, che non ha alcuna intenzione di lasciare il Moscati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mio figlio Pio resti ricoverato presso l’ospedale Moscati"

Queste sono state le dichiarazioni della madre rilasciate ai microfoni di Avellino Today. Anche la donna è affetta da Coronavirus e, pertanto, non può lasciare la propria abitazione per raggiungere il figlio in ospedale:

“Voglio chiedere, con tutta la forza che ho in corpo, che mio figlio Pio resti ricoverato presso l’ospedale Moscati. Lui, oltre a essere ancora positivo al Covid, è soggetto ad altre gravissime patologie e che il rischio possa essere moltiplicato è seriamente nei fatti. Non è possibile che dopo 21 giorni - nonostante sia ancora positivo e con altre patologie sopraggiunte - l’ospedale decida di dimetterlo perché così dice il protocollo. È una situazione assurda. Non è possibile che un ragazzo che in questi giorni ha avuto trasfusioni di sangue, con criticità patologiche serie e ancora positivo al Covid possa essere dimesso. In questo modo, le sue condizioni di salute si aggraveranno certamente. Inoltre, tra le tante patologie, è subentrata anche la difficoltà a deambulare e quindi necessita immediatamente di un intervento”.

Avellino Today non può che accogliere questo appello e unirsi alle richieste di Pio e di tutte le altre persone che hanno mostrato solidarietà, e invita il direttore generale dell’ospedale Moscati - dott. Pizzuti - e il direttore sanitario a fare un passo indietro rispetto alla decisione di dimettere Pio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sono cinque le regioni che dal 10 maggio cambieranno colore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento