Campania zona rossa...Ok! Ma ora salviamo il Natale e soprattutto l'economia

L'esecutivo pensa di togliere il coprifuoco nei giorni della vigilia e di Capodanno per permettere agli italiani di festeggiare. Ma resteranno restrizioni e "forti raccomandazioni" per evitare il contagio in famiglia

Nella giornata di ieri, la Campania, insieme alla Toscana, è divenuta zona rossa (l'Ordinanza entrerà in vigore domani, 15 novembre). La Regione governata dal Governatore Vincenzo De Luca, quindi, torna a essere in lockdown (una misura, ad ogni modo, certamente più leggera rispetto al marzo scorso).

Tra le nuove misure restrittive, il divieto di spostarsi nel proprio Comune di residenza, se non per motivi di lavoro, salute o necessità. Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato poco fa l'ordinanza che ufficializza la chiusura dei fronti su tutto il territorio regionale.

La gravità di un lockdown a Natale 

Appare anche scontato sottolineare quanto un eventuale lockdown nel periodo delle feste natalizie si trasformerebbe in un disastro economico per l’Italia intera. Il solo retail, afferma il Censis, subirà una sforbiciata di 95 miliardi di euro di fatturato (-21,6%) e nel comparto si rischia la perdita di oltre 700.000 posti di lavoro. Nel periodo delle feste natalizie, restrizioni paragonabili al lockdown di primavera farebbero sfumare 25 miliardi di euro di spesa delle famiglie. Questo è quanto emerge dal Rapporto Censis-Confimprese Il valore sociale dei consumi, che indica nel Natale l’orizzonte massimo di tenuta psicologica degli italiani di fronte a nuove restrizioni.

Rossa-4

"Non c’è altra strada se vogliamo ridurre il numero dei decessi"

"Ho appena firmato un’ordinanza che istituisce due nuove aree rosse (Campania e Toscana) e tre nuove aree arancioni (Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche). So che stiamo chiedendo ancora sacrifici, ma non c’è altra strada se vogliamo ridurre il numero dei decessi, limitare il contagio ed evitare una pressione insopportabile sulle nostre reti sanitarie. Ce la faremo. Ma è indispensabile il contributo di tutti".

Questa è la nota, diffusa a mezzo social, dal Ministro Speranza. 

Adesso bisogna salvare il Natale 

La missione è chiara: salvare il Natale degli italiani dall'epidemia di coronavirus. Come farlo, però, il governo Conte non lo ha ancora deciso. Anche se Palazzo Chigi ha annunciato ai bambini che almeno Babbo Natale avrà un'autocertificazione internazionale che gli permetterà di portare i regali e aggirare il coprifuoco, c'è ancora molta confusione sulle scelte e sulle decisioni da prendere e sul fatto che le eventuali regole per il cenone di Natale e la festa di Capodanno siano valide in tutta Italia.

Come il governo Conte vuole salvare il Natale 

Ieri infatti sui giornali si parlava del fatto che l'esecutivo aveva intenzione di concedere le cene in famiglia soltanto a chi era residente nella stessa regione: una regola che dovrebbe però valere soltanto nelle aree rosse - che comunque continuano ad aumentare - e non in tutto lo Stivale. Un'altra idea era quella di concedere il permesso di vedersi per festeggiare soltanto ai familiari di primo grado mentre ora, secondo quanto scrive Repubblica, la curva delle concessioni si sta allargando. Ovvero, si sta pensando di alleggerire direttamente il coprifuoco in tutta Italia. 

Secondo il quotidiano ieri a margine del consiglio dei ministri si è discusso del fatto che, se davvero l'epidemia sta attualmente rallentando, è possibile che a ridosso del Natale la maggior parte delle regioni sia tinta di giallo. E quindi potrebbe non essere necessario confermare la limitazione alla circolazione, anche se resterà, con l'ormai famosa formula del "fortemente raccomandato", la possibilità di sconsigliare di ricevere ospiti in casa. In ogni caso, spiega ancora Repubblica, potersi muovere in città dopo le 22 significherebbe salvare il cenone della vigilia, anche se soltanto con i familiari più stretti. 

L'altra possibilità è quella del Natale differenziato, ovvero con regole diverse da regione a regione. Il governo potrebbe introdurre numeri chiusi per l'accesso alle chiese e un tetto di presenze alle feste con sei persone al tavolo. Ovvero i "parenti più stretti" di cui si parlava nei giorni scorsi: "Se da qui al 25 dicembre avessimo risultati discreti delle misure messe in campo, non possiamo immaginare che ci sia un allentamento dei comportamenti tale da ripetere i comportamenti dell'estate. E quindi si metteranno dei limiti alla larghezza dell'incontro familiare (a Natale), non credo che si potrà andare oltre alla famiglia con i parenti di primo grado", ha detto la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo. Il premier avrebbe comunque in animo di concedere una deroga alle restrizioni per permettere agli italiani di trascorrere le feste insieme ai parenti più stretti senza limitazioni riguardo le zone rosse. Anche se il 75-80% dei contagi avviene in famiglia. Dal governo arriveranno solo raccomandazioni. Intanto il ricercatore di virologia Fabrizio Pregliasco in un'intervista a La Stampa prende posizione sul cenone di Natale: "So che sarà dura, ma i nonni sarà meglio lasciarli a casa. Genitori e figli al massimo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • Guida Michelin, tra vecchie e nuove stelle ecco i migliori ristoranti campani

  • Fabrizio Corona rompe il silenzio sul matrimonio: la presunta moglie è avellinese

  • Nuovo Dpcm 3 dicembre: lo stop ai parenti e le deroghe per residenza e domicilio nelle regole di Natale 2020

  • Rinasce il Mercatone, inaugura il supermercato: maxi parcheggio e aree verdi

  • Zona arancione, rossa e gialla: le Regioni che cambieranno colore prima di Natale

Torna su
AvellinoToday è in caricamento