Coronavirus, salgono a 15 i positivi alla Malzoni: la ricostruzione della clinica

La Clinica riaprirà regolarmente venerdì

Salgono a 15 le positività a Sars-CoV-2 riscontrate dalla Clinica Malzoni a seguito di uno screening effettuato su tutto il personale sanitario e i pazienti della Casa di Cura. L'intervento si era resa necessario a causa di una positività emersa su una paziente prima e poi su chi aveva condiviso la stanza con esss. 

Di seguito la nota della Clinica e la ricostruzione dell'accaduto. 

Il giorno mercoledì 18 novembre questa Direzione ha riscontrato la positività di una paziente ricoverata nell’Unità di Terapia intensiva post-operatoria, inizialmente negativa al tampone molecolare eseguito prima del ricovero nell’U.F. di Ginecologia. Da tale caso, e dagli immediati controlli predisposti dalla Struttura, sono emerse tre positività di degenti che avevano condiviso la stanza di ricovero con la paziente 0 sia nell’U.F. di Ginecologia che nell’Unità di Terapia Intensiva post-operatoria Questa Direzione ha proceduto all’isolamento dei pazienti sopra citati e predisposto, in collaborazione con la ASL territorialmente competente, il trasferimento degli stessi presso altri ospedali autorizzati al trattamento dei positivi al Sars Cov-2.

Il 19 Novembre la Direzione Sanitaria ha disposto la sospensione temporanea delle attività di ricovero chirurgiche oncologiche e di pronto soccorso ostetrico al fine di consentire la procedura di messa in sicurezza della Struttura, dei degenti e del personale, unitamente alle procedure di sanificazione dei locali man mano svuotati.

Contestualmente la Casa di Cura ha attivato le procedure di screening su tutto il personale sanitario attraverso il tampone nasofaringeo. Dai 215 tamponi processati sono emersi 15 casi positivi al Sars Cov -2, il 6% dei totali controllati, dato che si pone di gran lunga al di sotto della media nazionale.

I pazienti ricoverati in Casa di Cura al momento del riscontro dei casi positivi, le cui condizioni permettevano la dimissione, hanno raggiunto autonomamente il proprio domicilio e saranno riconvocati la settimana prossima da questa Direzione che, a scopo precauzionale, li sottoporrà a tampone nasofaringeo di controllo. 

Ad oggi nella Casa di Cura sono ricoverate cinque pazienti ostetriche e sei neonati di cui quattro in terapia intensiva e due in sub-intensiva. Domani saranno dimesse quattro pazienti ostetriche per cui rimarranno degenti una sola paziente ostetrica e sei neonati. 

Verrà immediatamente predisposta una ulteriore sanificazione dell’intera Casa di Cura cosicché questa Direzione sarà in grado di riprendere le attività consuete presumibilmente venerdì p.v.

Teniamo a precisare che ogni decisione è stata assunta secondo le norme vigenti in materia di contenimento del contagio del virus Sars Cov-2 nelle strutture sanitarie e nell’esclusivo interesse dei pazienti nonché del personale tutto al fine di tutelare la salute di coloro che si rapportano quotidianamente con la Casa di Cura e di poter garantire ai pazienti ed al personale tutto, come di consueto, un ambiente di diagnosi e cura sicuro efficiente ed efficace.

Non da meno è indispensabile puntualizzare che le affermazioni di una rappresentante di una sigla sindacale apparse sulla stampa sono assolutamente false e prive di ogni fondamento e per le quali l'Amministrazione ha già provveduto a porre in essere le azioni legali a tutela dell'immagine della Casa di Cura. Dall'inizio della pandemia sono state applicate scrupolosamente tutte le disposizioni normative nazionali e regionali per il contenimento del contagio. Purtroppo l'episodio che ha determinato l'attuale situazione è stato causato da un evento imprevedibile e sopraggiunto. Proprio l'avere un efficiente sistema di controllo ha determinato il contenimento della diffusione in numeri assolutamente contenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perturbazione nevosa in Irpinia: ecco tutti i comuni che scelgono di chiudere le scuole

  • In Campania arriva Burian: ondata di gelo e temperature polari

  • Spostamenti per andare dai congiunti e ospiti a casa: cosa succede dal 16 gennaio

  • Il pizzaiolo Maglione aderisce alla manifestazione pacifica #Ioapro: "Lavorare è un diritto"

  • Tragedia ad Avellino, donna muore dopo una caduta accidentale in casa

  • Nuovo Dpcm: sei regioni in zona gialla, due rossa e il resto in arancione

Torna su
AvellinoToday è in caricamento