L'omicida resta in carcere, la Procura : "Da due anni tradito dalla moglie"

Nella mattinata si è svolta presso la casa circondariale di Ariano l’udienza di convalida dell’arresto di Alessandro Palermiti accusato di aver ucciso l'albanese Tahir Halili

Nella mattinata si è svolta presso la casa circondariale di Ariano l’udienza di convalida dell’arresto di Alessandro Palermiti accusato di aver ucciso l'albanese Tahir Halili. Il Gip ha confermato la misura cautelare in carcere per il delitto di omicidio volontario premeditato e aggravato per essere stato compiuto per motivi futili.

In ordine al movente, è stato accertato dagli inquirenti il carattere passionale, poiché "la vittima (l’albanese residente nel foggiano) da oltre due anni intratteneva una relazione extraconiugale con la moglie dell’indagato e che aveva abbandonato il predetto per andare a vivere con la madre. Durante la perquisizione presso il domicilio della vittima a Troia (Fg) è stata rinvenuta una pistola non legalmente detenuta" si legge nella nota della Procura di Benevento a firma del procuratore Giovanni Conzo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia atroce, donna ritrovata senza vita

  • Nuovo clan Partenio, ecco dove i camorristi nascondevano il libro mastro dell'usura

  • Nuovo Clan Partenio: "Se vuoi risolvere il problema devi prendergli la macchina"

  • Si suicida sparandosi in faccia con un fucile

  • Guida Espresso 2020, i migliori ristoranti in Irpinia

  • "Partenio 2.0": le intercettazioni tra Damiano Genovese e il padre

Torna su
AvellinoToday è in caricamento