Controllore Air aggredito, aveva solo chiesto il biglietto

I sindacati chiedono maggiore sicurezza

Sempre più spesso si verificano episodi di aggressione a danno del personale in servizio sui mezzi pubblici, come da anni denunciamo senza alcun riscontro. Purtroppo questo fenomeno, negli ultimi giorni sta aumentando e sta assumendo livelli non più sopportabili per i lavoratori e per i tanti viaggiatori che utilizzano la mobilità collettiva. ​Tantissimi sono gli accadimenti, che vanno dalle aggressioni verbali alle molestie, per sfociare sempre più spesso in vili e crudeli aggressioni fisiche, oltre agli ingenti danni bus. ​Buon ultimo l’episodio che ha coinvolto un collaboratore d’esercizio della AIRMOBILITA’ nell’effettuare la verifica dei titoli di viaggio che è dovuto ricorrere alle cure mediche del locale Ospedale Civile.

Un’aggressione violenta e ingiustificata

Un’aggressione violenta e ingiustificata che poteva mettere a serio rischio la sicurezza dell’esercizio e l’incolumità dell’utenza. ​Occorre un’attenta valutazione del fenomeno, affinché possano essere messe in campo azioni mirate di prevenzione e repressione. ​E’ necessario che forze dell’ordine, istituzioni e azienda avviino tali azioni di contrasto in modo sinergico, ognuno per le proprie competenze e responsabilità. ​Le OO.SS., oltre ad esprimere piena e profonda solidarietà agli agenti ai lavoratori che subiscono violenze fisiche e verbali, chiedono maggiore sicurezza per chi quotidianamente svolge il proprio lavoro, che non sia più alla mercé di violenti ed in spregio alle regole del vivere civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori pizzerie di Avellino, ecco la "Top Ten" di novembre 2019

  • Migliori bar di Avellino, ecco la "Top Ten" di novembre 2019

  • Nuovo Clan Partenio, vent'anni di turbativa d'asta: si stringe il cerchio

  • Il mercato bisettimanale di Avellino trasloca

  • Medico muore durante il servizio notturno

  • Nuovo Clan Partenio, la custode giudiziaria è pronta a collaborare

Torna su
AvellinoToday è in caricamento