Covid-19, Conte: "Doveroso condividere con il Parlamento la proroga dello stato di emergenza"

Il Presidente del Consiglio, nel corso del suo intervento al Senato, spiega le motivazioni della proroga: "In assenza di essa, si verificherebbe l'arresto di tutto il sistema messo in piedi per contrastare l'emergenza Covid-19"

Arrivano importanti novità dalla seduta odierna del Senato. Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha dichiarato che è di fondamentale importanza la proroga dello stato di emergenza per la pandemia Covid-19 fino al 31 ottobre 2020.

Conte: "Proroga dello stato di emergenza soluzione necessaria"

Il premier fa capire l'importanza di una decisione presa di comune accordo con gli altri ministri: "Ritengo doveroso condividere con il Parlamento questa decisione: si è concluso poche ore fa un Consiglio dei Ministri in cui sono state valutate, nei dettagli, tutte le indicazioni di un'eventuale proroga dello stato di emergenza. La proposta è stata valutata positivamente dalla Corte Costituzionale e costituisce il presupposto per l'attivazione di alcuni poteri per contrastare l'emergenza in atto. Tra questi, il potere di ordinanza di cui dispone la Protezione Civile per far sì che possano essere emanate disposizioni vigenti, ovviamente nei limiti e nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento giuridico italiano e dell'Unione Europea".

La scadenza dello stato di emergenza, proclamato lo scorso 31 gennaio e della durata di sei mesi, sarabbe attualmente fissata in data 31 luglio 2020. Se non venisse prorogato, fa notare Conte: "Si verificherebbe l'arresto di tutto il sistema di contrasto all'emergenza Covid-19. Cesserebbero di avere effetto le singole ordinanze, ben 38, così come i conseguenti provvedimenti attuativi. Decadrebbero tutti gli incarichi sulla gestione della situazione, dalla Protezione Civile fino alle amministrazioni comunali. Verrebbero a decadere anche le funzioni del Comitato Tecnico-Scientifico, che ha supportato le decisioni del Governo sia nella fase della chisura delle attività economiche e commerciali, sia nella altrettanto delicata fase della loro delicata riapertura e progressivo ritorno alla normalità".

In caso di eventuale proroga, conclude Conte: "Potranno essere confermate quelle precauzioni minime che stiamo già adottando e che ci permettono di convivere con il virus, in vista di un graduale ritorno alla normalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin, tra vecchie e nuove stelle ecco i migliori ristoranti campani

  • Coronavirus, in Campania Rt scende sotto 1: verso la fine della zona rossa

  • Fabrizio Corona rompe il silenzio sul matrimonio: la presunta moglie è avellinese

  • Rinasce il Mercatone, inaugura il supermercato: maxi parcheggio e aree verdi

  • Nuovo Dpcm 3 dicembre: lo stop ai parenti e le deroghe per residenza e domicilio nelle regole di Natale 2020

  • In Campania è stato raggiunto il picco dei contagi

Torna su
AvellinoToday è in caricamento