Scoperta serra per la coltivazione di marijuana, 48enne in manette

Sarà sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso l’abitazione sita in Casagiove

Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Avellino, hanno tratto in arresto un 48enne napoletano, già noto alle forze dell’ordine, residente a Casagiove nel casertano, ma di fatto domiciliato a Pratola Serra, responsabile di detenzione, ai fini dello spaccio, di sostanze stupefacenti.

L’arresto è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, allorquando, i poliziotti, a conclusione di un’accurata attività investigativa, si sono recati presso l’abitazione dell’uomo, dalla quale fuoriusciva un fortissimo odore di marijuana.

Entrati nell’appartamento, gli operanti hanno constatato la presenza del 48enne e immediatamente la loro attenzione è stata attirata da una porta che si presentava totalmente sigillata con dello scotch (carta gommata), posto anche sulla toppa  della serratura. Pertanto hanno aperto la porta dove hanno constatato  la presenza di una serra alta 2 metri e larga 1.5, chiusa ermeticamente con una cerniera.

All’esterno della serra erano ben visibili una serie di apparecchiature elettriche collegate a dei grossi tubi di alluminio, nonchè due fusti pieni di acqua; il tutto necessario  ad alimentare la crescita di 9 piante di marijuana, dal peso complessivo di circa 1,5 chili, alte poco più di 1 metro, che presentavano già numerose infiorescenze.

La serra, interamente rivestita in alluminio, si presentava “tecnologicamente ben congeniata”, tenuto conto che, seppur costruita artigianalmente, includeva un efficiente sistema di areazione con tubi in alluminio che servivano per dissipare il calore in eccesso attraverso una finestra i cui vetri erano stati sostituiti con cartoni, ventilatori predisposti in maniera opportuna per il funzionamento con timer, gruppo di continuità e generatori di corrente elettrica, in azione in caso in caso di necessità; il tutto per fornire un costante ed efficiente apporto alla coltivazione della droga, a discapito però del fortissimo,  nauseante odore, che costantemente fuoriusciva dall’appartamento.

Nel prosieguo della perquisizione, nella stessa stanza, sono state rinvenute, nei pressi di uno stendino, numerose infiorescenze di marijuana già essiccate, altre celate, all’interno di due bicchieri di vetro avvolti da nastro isolante, ed altre ancora all’interno di uno scatolo di polistirolo, per un peso complessivo di  circa 450 grammi di marijuana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 48enne, pertanto, è stato tratto in arresto ed in attesa del giudizio di convalida,  sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso l’abitazione sita in Casagiove.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, chiude il bar Nolurè: titolare positivo in ospedale

  • Coronavirus, in Campania è allarme arancione

  • Claudio Rosa, Capo Ufficio Comando Del Provinciale dei Carabinieri di Avellino, promosso Tenente Colonnello

  • Vino e architettura, in Irpinia una delle cantine più belle d'Italia

  • Coronavirus in Irpinia, sono 4 i tamponi positivi di oggi: ecco dove

  • Coronavirus in Irpinia, ci sono sei nuovi positivi: ecco chi sono

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento