Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

Inchiesta "Dolce vita", il colonnello Minale: "La ferita giudiziaria di Avellino è ancora aperta"

Durante la celebrazione dei 250 anni della Guardia di Finanza, il Colonnello Salvatore Minale ha parlato anche della crisi giudiziaria e del necessario intervento delle forze dell'ordine, augurando al nuovo sindaco una guida leale e trasparente

“La questione giudiziaria purtroppo è stata una ferita non ancora rimarginata per Avellino”, ha dichiarato il Colonnello Salvatore Minale,  a margine della celebrazione per i 250 anni della fondazione della Guardia di Finanza. “La città non era pronta a vedere, nell’ultimo periodo della fase elettorale, un episodio così grave. Fortunatamente siamo intervenuti in tempo. Si spera che gli accertamenti in corso possano fare chiarezza; è ancora presto per formulare un giudizio, ma sicuramente è la testimonianza che le forze dell’ordine sono presenti. Abbiamo controllato a fondo anche le spese del Comune, della Provincia e così via. Sono state molte le attività svolte dal Corpo, come le indagini per la metropolitana leggera, per il sottopasso e per tutte le opere più importanti e sostenute della città. Lo faremo anche nel prossimo futuro e auguro al nuovo sindaco di poter intraprendere questo nuovo cammino con la giusta credibilità, dando fiducia all’intera cittadinanza che ha bisogno di essere guidata in modo leale, trasparente e corretto”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta "Dolce vita", il colonnello Minale: "La ferita giudiziaria di Avellino è ancora aperta"
AvellinoToday è in caricamento