menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La colomba della pasticceria Memmolo tra le migliori del 2017

Il pasticcere di Mirabella, Annibale Memmolo, ha conquistato il quinto posto nella manifestazione Regina Colomba 2017

“Eccomi qui, dopo due giorni ritorno a casa. Essermi classificato 5° a livello Nazionale è una grande soddisfazione ma anche una grande responsabilità. Ora Mirabella Eclano è conosciuta anche a Saint Vincent”.
Questo il commento di Annibale Memmolo della pasticceria Memmolo di Mirabella Eclano.  Il giovane pasticcere si è qualificato quinto alla competizione Regina Colomba 2017. Al centro della sfida ovviamente il dolce per antonomasia della tradizione pasquale.

A Saint Vincent, nell’ambito della manifestazione valdostana La Primavera è Dolce, organizzata da Stanislao Porzio, creatore di Re Panettone, pasticceri da tutta Italia hanno presentato la loro colomba nella versione tradizionale. A giudicarli una giuria presieduta da Eliseo Tonti, celebre maestro cioccolatiere italo-svizzero e composta da Cristina Alamprese, professoressa di scienze dell’alimentazione dell’Università degli Studi di Milano, Simona Ballatore, giornalista del Giorno di Milano, Dario Bragaglia, giornalista di Gambero Rosso, Chiara Cavalleris, giornalista di Dissapore, Yves Grange, responsabile Slow Food della Valle d’Aosta, Edoardo Moussanet, operatore nell’ambito della cultura gastronomica, Simona Padalino del giornale Gazzetta Matin, Piero Roullet, albergatore e ristoratore stellato di Cogne.
Tra i pasticceri in gara si è distinto per il suo lavoro Annibale Memmolo, il quale ha collezionato ottimi voti per la sua versione del dolce tipico di Pasqua.
All’assaggio la colomba dello chef irpino è apparsa un lavoro con pochi difetti, dagli aromi intensi e dall’alveolatura equilibrata. Secondo la giurata di Dissapore il risultato emblematico di un secchione della pasticceria.
Sul gradino più alto del podio, invece, Grazia Mazzali,  della pasticciera a Governolo, in provincia di Mantova. Al secondo posto Tenerità di Caserta e al terzo Fiorenzo Ascolese, titolare e capo pasticciere del panificio pasticceria omonimo di San Valentino Torio, in provincia di Salerno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, 67enne deceduta al Moscati

  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, due anziani deceduti al Frangipane

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento