rotate-mobile
Cronaca

Clan Sangermano, nuovo sequestro da 6mln: la presa della camorra anche sull'Irpinia

Proseguono le indagini che avevano già portato a 25 misure cautelari e ad un sequestro per 30 milioni. E in Irpinia, grazie a Roberto Santulli e Angelo Grasso, arrivava la mozzarella della camorra 

Maxi sequestro in provincia di Napoli. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo del Gip di Napoli su numerosi rapporti finanziari (per un valore di più di 4 milioni di euro) e su 9 immobili, tra terreni e fabbricati (per il valore di 2 milioni di euro circa). Si tratta di un ulteriore passo avanti nelle indagini su presunti affiliati al clan Sangermano, organizzazione criminale dell’agro nolano.

Il 3 novembre scorso, i carabinieri avevano dato esecuzione a un provvedimento di custodia cautelare a carico di 25 persone ed avevano posto sotto sequestro il patrimonio illecitamente accumulato del clan, del valore stimato di 30 milioni di euro, tra beni mobili ed immobili, società, rapporti finanziari e denaro contante. “L’aggressione ai patrimoni illeciti della criminalità organizzata rimane uno dei principali obiettivi da perseguire da parte di magistratura e forze dell’ordine”, spiegano i carabinieri.

E in Irpinia, grazie a Roberto Santulli e Angelo Grasso, arrivava la mozzarella della camorra 

L’attività investigativa, svolta dal 2016 al 2019, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha consentito di evidenziare l’operatività del sodalizio criminale, con base a San Paolo Bel Sito (NA) e con interessi in gran parte nell’agro nolano ed in una parte della provincia di Avellino, tendente ad affermare il proprio controllo egemonico sul territorio di interesse, anche con la disponibilità di una importante quantità di armi comuni da sparo.

In una intercettazione ambientale si sente dire: “Il commercio di queste mozzarelle è camorra”. Stando a quanto è emerso finora, gli uomini del clan agivano utilizzando persone del posto, conosciute da coloro che erano individuati come obbiettivi. Nella vicenda della vendita delle mozzarelle «della camorra» agli esercizi commerciali, Salvatore Sepe utilizza sia Roberto Santulli che Angelo Grasso come tramite.

Santulli è conosciuto al ristorante Quagliarella, Grasso al ristorante o’ Pagliarone: entrambi sono – nelle parole delle vittime – esponenti vicini ai Sangermano.

Le indagini hanno fatto emergere plurime condotte estorsive poste in essere dal sodalizio attraverso l’imposizione di articoli caseari a numerosi esercizi commerciali della zona, nonché l’induzione degli imprenditori all’acquisto di provviste per l’edilizia da una sola rivendita di riferimento.

Il sodalizio si assicurava importanti profitti economici anche attraverso l’attività di riciclaggio, l’illecito esercizio della professione creditizia e la concorrenza illecita esercitata grazie alla forza di intimidazione promanante dalla perdurante azione associativa sul territorio.

A dimostrazione della pressante presenza del clan sul territorio, nel corso della processione della patrona del paese, l’effigie della Santa era stata fatta “inchinare” innanzi l’abitazione del capo clan.

Nel corso delle attività, i carabinieri hanno dato esecuzione anche ad un decreto di sequestro preventivo, per un valore di circa 30 milioni di euro, su immobili (terreni e fabbricati), società, autovetture e rapporti finanziari.

I nomi degli arrestati

  • SANGERMANO Agostino, nato a San Paolo Bel Sito (NA) il 29.12.1979
  • SANGERMANO Nicola, nato a Nola (NA) il 05.05.1978,
  • ABATE Luigi, nato a Pomigliano d’Arco (NA) il 06.01.1972
  • ALBI Vincenzo, nato ad Avellino il 04. 04.1985
  • ARIANO Gennaro, nato a San Gennaro Vesuviano (NA) il 03.10.1992
  • BUONINCONTRI Giuseppe, nato a Pomigliano d’Arco (NA) il 14.07.1979
  • CATAPANO Antonio, nato a San Paolo Bel Sito (NA) il 05.11.1987
  • DELLA PIETRA Giuseppe, nato a San Paolo Bel Sito (NA) il 13.12.1984
  • DELLA RATTA Salvatore, nato a Cercola (NA) il 02.09.1980
  • FOGLIA Giuseppe, nato a San Gennaro Vesuviano (NA) il 30.09.1983
  • GRASSO Angelo, nato ad Avellino il 04.10.1979
  • MANZI Giuseppe, nato a San Paolo Belsito (NA) il 26.07.1976
  • MARRA Giovanni, nato a Cassino il 15.03.1979
  • MERCOGLIANO Ezio, nato a Atripalda (AV) il 10.07.1998
  • MERCOGLIANO Francesco, Atripalda (AV) il 03.10.1992
  • MINICHINI Giovanni, nato ad Avellino il 20.08.1990
  • MUTO Clemente, nato a Nola il 15.06.1968
  • NAPOLITANO Benedetto, nato a Marzano di Nola (AV) il 08.01.1947
  • NAPPI Paolo, nato a San Paolo Bel Sito (NA) il 18.09.1979
  • SANGERMANO Michele, nato a Nola (NA) il 24.06.1977
  • SANTULLI Roberto, nato ad Avellino il 03.10.1983
  • SEPE Luigi, nato a Nola (NA) il 15.07.1979
  • SEPE Onofrio, nato a San paolo Bel Sito (NA) il 22.01.1980
  • SEPE Salvatore
  • VITALE Luigi, nato a Pago del Vallo di Lauro (AV) il 08.07.1973

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clan Sangermano, nuovo sequestro da 6mln: la presa della camorra anche sull'Irpinia

AvellinoToday è in caricamento