"Partenio 2.0", De Fazio nega di conoscere il clan: pronti i ricorsi al Riesame

Completati gli interrogatori davanti ai Gip

Sono continuati gli interrogatori in merito alla vasta operazione anti-camorra contro il nuovo clan Partenio. Nella giornata di ieri, infatti, sono comparsi davanti ai Gip Ambrosone e Finamore i cinque indagati agli arresti domiciliari. In particolare, davanti al giudice Finamore, ha deciso di fornire dichiarazioni spontanee il dipendente del comune di Monteforte, Martino De Fazio. L'indagato ha sostenuto di non conoscere quel Carlo Dello Russo, considerato dagli inquirenti il "picchiatore" del clan e di non essere a conoscenza della presenza del medesimo clan sul territorio irpino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

De Fazio, però, ha anche parlato di quella denuncia subita dopo una lite, nata, a detta sua, solo per "un'insolvenza": la presunta vittima non avrebbe pagato il fitto del locale di De Fazio per diversi mesi. I legali del folto gruppo di indagati, intanto, sono già al lavoro per il ricorso al Riesame al quale sarà chiesta la revoca dei domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • 55enne di Mercogliano asintomatica aveva avuto contatti con alcuni commercianti

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • L'amministrazione comunale: "Quanto accaduto non mette in discussione il mandato di un’intera squadra"

Torna su
AvellinoToday è in caricamento