menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Clan Cava, chiuse indagini per irruzione in bene sequestrato

Sette componenti del clan Cava di Quindici, tra cui moglie, figlio e nipoti del boss Biagio Cava, hanno ricevuto l'avviso di conclusione delle indagini

Si erano appropriati degli infissi e di suppellettili di valore dalla villa bunker destinata al sequestro e alla confisca. Sette componenti del clan Cava di Quindici (Avellino), tra cui moglie, figlio e nipoti del boss Biagio Cava, hanno ricevuto oggi l'avviso di conclusione delle indagini, in cui sono indagati, dalla Dda di Napoli. Le indagini, condotte dal pm distrettuale, Francesco Soviero, fanno riferimento a quanto accaduto alcuni mesi fa: di fronte alla ormai certa confisca del bene, gia' posto sotto sequestro, i familiari del capo clan, insieme a personaggi considerati affiliati al clan, a piu' riprese si introdussero all'interno della villa, per smontare e portare via infissi, suppellettili e gli arredi dei bagni.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Disfunzioni idriche in Irpinia: l'avviso di Alto Calore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento