rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Cervinara

Cervinara, i genitori rispondono alla Morgante: "Prima di accusare la scuola si legga i risultati dello screening"

I genitori della scuola dell'infanzia di Valle sezione A rispondono con amarezza alle dichiarazioni rilasciate dalla dirigente dell'Asl

Hanno suscitato l'amarezza e l'indignazione dei genitori le dichiarazioni rilasciate ieri, 4 novembre 2021, dalla dirigente dell'Asl di Avellino Maria Morgante in merito all'emergenza covid-19 in atto a Cervinara.

Morgante: "Aumento dei casi legato alla scuola"

“Nelle ultime settimane abbiamo registrato numeri più alti, soprattutto a Cervinara. Al momento, nel comune irpino, risultano 59 positivi. Ovviamente, questo aumento dei casi è legato alla questione scuola e, con tante persone in isolamento, ci sta preoccupando non poco. Il problema, però, non è circoscritto soltanto a Cervinara". Queste le dichiarazioni incriminate a cui i genitori hanno deciso di rispondere così:

Genitori: "Ricerchi le vere cause del focolaio"

"Spett.le dott.ssa Morgante, siamo i genitori della scuola dell'infanzia di Valle sezione A,le scriviamo in seguito alle dichiarazioni da lei rilasciate in merito alla natura del focolaio che si sta evidenziando nel nostro paese. Lei ha dichiarato che il focolaio è nato a partire dalla scuola,queste sue dichiarazioni ci hanno lasciati davvero amareggiati. I nostri figli dopo aver saputo della positività di un compagno ,sono stati messa in quarantena,hanno fatto il tampone molecolare dopo 10 giorni ,e dopo aver saputo di essere tutti negativi non sono rientrati a scuola,come prevede la norma nazionale.Allo screening oltre ai nostri figli hanno partecipato docenti, personale ata e bambini,per un totale di 107 persone riscontrando 8 positività, quindi una percentuale numerica che non prevedeva la chiusura di un intero istituto omnicoprensivo,che conta circa 1000 studenti. Inoltre ci ha lasciati basiti la leggerezza con la quale ha affermato la natura del focolaio, dire che il focolaio è nato a scuola significa ammettere che nessuno rispetta i protocolli,significa ammettere che insegnanti personale ATA non fanno il loro dovere,significa ammettere che noi genitori non siamo attenti alle norme,e le assicuro che non è cosi. Noi genitori se un bambino non sta bene lo teniamo a casa,per rispettare in primis i compagni e le maestre, e poi le norme anticovid. Le nostre maestre tutelano ogni giorno la salute dei nostri figli, dato confermato dallo screening i bimbi erano tutti negativi.
Le chiediamo pertanto che prima di rilasciare dichiarazioni si legga i risultati dello screening e poi ricerchi insieme ai suoi collaboratori le vere cause del focolaio che sta interessando il nostro paese, lasci stare la scuola che è l'unico posto sicuro per i nostri figli".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cervinara, i genitori rispondono alla Morgante: "Prima di accusare la scuola si legga i risultati dello screening"

AvellinoToday è in caricamento