menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestione illecita di rifiuti liquidi non pericolosi: guai per titolare di un caseificio

Da ulteriori accertamenti sul registro di carico e scarico rifiuti e sui formulari di identificazione, risultava che gli stessi venivano avviati a smaltimento ogni due anni

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Castel Baronia, congiuntamente ai colleghi della Stazione Forestale di Mirabella Eclano, hanno deferito alla Procura della Repubblica di Benevento il titolare di un caseificio di Vallata.

Nello specifico, nell’ambito di un controllo presso il predetto opificio, i militari rinvenivano in una vasca di cemento delle acque di lavorazione, classificabili come rifiuti liquidi non pericolosi.

Da ulteriori accertamenti sul registro di carico e scarico rifiuti e sui formulari di identificazione, risultava che gli stessi venivano avviati a smaltimento ogni due anni, venendo quindi a mancare i requisiti del “deposito temporaneo” così come definito dalla vigente normativa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, si aprono le prenotazioni per gli over 60

Attualità

Psicosi Astrazeneca, in Campania uno su tre rinuncia

Attualità

Ciclo vaccinale completo: la Campania ultima regione d'Italia

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, altri due decessi al "Frangipane"

  • Cronaca

    Sversamento illecito di acque reflue in un fondo agricolo

  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, altri tre decessi all'Ospedale Moscati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento