Gestione illecita di rifiuti liquidi non pericolosi: guai per titolare di un caseificio

Da ulteriori accertamenti sul registro di carico e scarico rifiuti e sui formulari di identificazione, risultava che gli stessi venivano avviati a smaltimento ogni due anni

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Castel Baronia, congiuntamente ai colleghi della Stazione Forestale di Mirabella Eclano, hanno deferito alla Procura della Repubblica di Benevento il titolare di un caseificio di Vallata.

Nello specifico, nell’ambito di un controllo presso il predetto opificio, i militari rinvenivano in una vasca di cemento delle acque di lavorazione, classificabili come rifiuti liquidi non pericolosi.

Da ulteriori accertamenti sul registro di carico e scarico rifiuti e sui formulari di identificazione, risultava che gli stessi venivano avviati a smaltimento ogni due anni, venendo quindi a mancare i requisiti del “deposito temporaneo” così come definito dalla vigente normativa.

Potrebbe interessarti

  • Senz'acqua fino a domani, ecco i comuni che resteranno a secco

  • Avellino Summer Fest, ecco gli appuntamenti di oggi

  • Addio a Nadia Toffa, il ricordo commosso di Luca Abete: "Non hai mai perso il sorriso, la dignità e la speranza"

  • Sospensioni idriche, ecco i comuni che resteranno a secco

I più letti della settimana

  • Gigi Marzullo operato d'urgenza al Moscati

  • La Maccaronara con fonduta di caciocavallo: il piatto 'illegale' di chef Vincenzo Vazza

  • Senz'acqua fino a domani, ecco i comuni che resteranno a secco

  • Morso da una vipera: corsa al Pronto Soccorso per un 30enne

  • Schianto terribile in autostrada, neopatentata 19enne grave al Moscati

  • Sagre, concerti e spettacoli in Irpinia nella settimana di Ferragosto

Torna su
AvellinoToday è in caricamento