Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Casa Circondariale di Ariano Irpino, SAPPE denuncia anomalie gestione Covid-19

La nota del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria

Il SAPPE (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria) primo organismo di rappresentanza nazionale e regionale per la categoria appartenente al Comparto della Sicurezza, non può esimersi dal rappresentare quanto qui di seguito.

La scrivente Segreteria Nazionale per la Regione Campania è venuta a conoscenza dai propri Segretari e dal Personale in servizio presso la Casa Circondariale di Ariano Irpino che la cosiddetta “terza ondata / variante omicrondella pandemia Covid 19, non ha risparmiato la suddetta struttura penitenziaria di Ariano Irpino tanto da registrare in un breve lasso di tempo, un picco di contagi pari a n° 30/40 Unità positive tra la popolazione detenuta, creando un vero e proprio focolaioche fortunatamente sta lentamente rientrando.

Corre l’obbligo, sin da subito, rappresentare che la virulenza del Covid -19 presso l’Istituto penitenziario in riferimento, non sia stata ripresa e riportata dal cosiddetto REPORT GIORNALIERO -gestione coronavirus, quale documento ufficiale nazionale diramato dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria -Ufficio Capo Dipartimento Ufficio III° -Attività Ispettiva e di Controllo cui viene comunicato alle OO.SS del Comparto Sicurezza.

Ad ogni buon fine si riportano i dati trasmessi nell’ultimo mese per quanto concerne la criticità epidemiologica della Casa Circondariale di Arino Irpino circa il numero dei contagi tra i detenuti colà ristretti e il Personale di Polizia Penitenziaria, nonché quello appartenente alle cosiddette Funzioni Centrali :

  • 07.02.2022 ore 20,00 = ZERO

  • 11.02.2022 ore 13,00 = ZERO

  • 15.02.2022 ore 13,00 = ZERO

  • 17.02.2022 ore 20,00 = ZERO

  • 22.02.2022 ore 13,00 = ZERO

  • 25.02.2022 ore 14,00 = ZERO

  • 01.03.2022 ore 12,00 = ZERO.

Orbene, non c’è chi non veda la grave incongruenza tra i dati ufficiali formalmente diramati dall’Amministrazione Penitenziaria – Ufficio Capo DAP – Ufficio III° Attività Ispettiva e di Controllo e quelli a conoscenza diretta delle voci di dentro che ci sono giunti.

E’ di tutta evidenzia che, se ciò dovesse corrispondere al vero, ci troveremmo davanti a vere e proprie “omissioni di atti d’ufficio”, che ricadrebbero per diversi aspetti sicuramente negativi sulle norme e regole emanate circa la tutela e la garanzia tanto della trasparenza per il buon agire della Pubblica Amministrazione quanto per la tutela e la garanzia della sfera relativa all’integrità fisica di tutti ……

Bisogna aggiungere le palesi ed ulteriori “omissioni” derivanti dalla mancata applicazione di precisi punti dei protocolli Anti Covid-19 emanati dai diversi livelli dell’Amministrazione Penitenziaria (cfr.Dipartimento, Provveditorati, Istituti) che sono rimasti solo sulla carta per quanto riguarda la struttura dirigenziale di Ariano Irpino.

A tal proposito “si denuncia” il mancato aggiornamento del protocollo Anti-Covid-19, in particolare lo stesso Direttore della Casa Circondariale ha dichiarato, in più occasioni, in atti e sottoscritto tra le parti l’impegno di una costante interlocuzione ed aggiornamento tra l’ASL territorialmente competente unitamente alle OO.SS rappresentative; ciò già a far data dal Febbraio 2021, impegno assunto questo, ma mai ottemperato.

Nonostante la delicatezza della materia, dobbiamo segnalare che il protocollo Anti Covid-19 non è stato mai verificato, aggiornato come dovuto e come prescritto nello stesso documento anche in relazione alle variazioni “ in pejus” circa l’andamento della pandemia che ha implicato una diversa conduzione delle modalità operative ed organizzative all’interno della Casa Circondariale di Ariano Irpino, finalizzate alla giusta prevenzione e contrasto del Covid-19, condizioni queste che dovevano essere partecipate e condivise con le OO.SS. e non restare una azione amministrativa discrezionale ed unilaterale, come avvenuto.

Altro aspetto che si riporta all’attenzione delle SS.LL poste in indirizzo è dato dalla mancanza di adeguata e costante formazione del Personale, dalla mancata informativa di provvedimenti tesi a garantire un adeguata sicurezza sanitaria nel tempo, nonché una compartecipazione di tutti i soggetti interessati alla copertura dei servizi evitando accorpamenti nell’evoluzione della pandemia.

Ulteriore informativa MAI formalmente pervenuta è stata quella sulle sanificazioni degli ambienti della struttura penitenziaria in riferimento a mezzo ditte specializzate, tenute al rilascio e all’affissione della regolare certificazione come disposto dalla normativa di che trattasi.

Per quanto rappresentato alle SS.LL., si chiedono le opportune verifiche e se del caso i dovuti interventi per l’urgenza e la gravità di una condizione epidemiologica da Covid–19 sempre più incombente su una comunità/collettività chiusa, quale quella penitenziaria.

Tanto premesso e finora rappresentato, la scrivente, comunica:

  • Al Presidente della V° Commissione permanente -Sanità e Sicurezza Sociale del Consiglio regionale della Campania – Onorevole Vincenzo ALAIA;

  • Al Dirigente Generale quale Provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria Regionale per la Campania – dott.ssa Lucia CASTELLANO;

  • Al Segretario Generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, dott. Donato CAPECE, cui la presente è diretta per conoscenza, si chiede voler sollevare la questione descritta presso i competenti Uffici ministeriali.

che la presente nota fa seguito a precedente corrispondenza trasmessa giusto protocollo n° 16.01 del 16 Gennaio 2022 che puntualmente si richiama per completezza d’informazione sullo stato della Sanità penitenziaria nella Regione Campania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa Circondariale di Ariano Irpino, SAPPE denuncia anomalie gestione Covid-19
AvellinoToday è in caricamento