rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Il Capitano Mario Vietri va in congedo, l'omaggio dell’Arma dei Carabinieri di Avellino

Al termine di una carriera durata oltre 41 anni nelle file dell’Arma dei Carabinieri, lascia il servizio attivo per transitare nella grande famiglia dei Carabinieri in congedo

Al termine di una carriera durata oltre 41 anni nelle file dell’Arma dei Carabinieri, il Capitano Mario Vietri, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montella, lascia il servizio attivo per transitare nella grande famiglia dei Carabinieri in congedo, silenziosi custodi dei valori secolari della Benemerita Istituzione. Di origini montoresi, è sposato e padre di tre figli. Ha intrapreso la carriera nell’Arma nel 1980: Vicebrigadiere nel 1985 e successivamente Maresciallo Ordinario e Maresciallo Maggiore Aiutante. Nel 2018 inizia il suo percorso professionale da Ufficiale. Approdato a Montella nel 2019, proveniente dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mercato San Severino, per lui si è trattato di un ritorno in Irpinia avendo comandato, da Maresciallo, prima la Stazione di Quindici e successivamente quella di Monteforte Irpino.

Promosso nel 2019 al grado di Tenente, da pochi giorni l’Ufficiale sulle spalline ha aggiunto una nuova stelletta, la terza, quella che contraddistingue il grado di Capitano dei Carabinieri. Nel lungo periodo di servizio ha partecipato e condotto importanti operazioni di polizia giudiziaria, ricevendo numerosi elogi e riconoscimenti. In particolare, ricordiamo la “Medaglia d’Oro al Valor Civile”, onorifica ricompensa per l’opera e l’impegno prestati in Quindici (AV) a seguito del noto movimento franoso del 5.5.1998, conferitagli dal Presidente della Repubblica il 2 giugno 1998 con la seguente motivazione: “In occasione di eccezionale movimento franoso che investiva un centro abitato, con generoso slancio e cosciente sprezzo del pericolo, unitamente ad altri militari, soccorreva tre anziane donne - una delle quali inferma - rimaste intrappolate in un’abitazione già invasa dal fango e, impegnando ogni risorsa fisica, riusciva a risalire la crescente corrente melmosa e a trarle in salvo. Nobile esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere.  Quindici (Avellino), 5 maggio 1998”.

Tra le varie benemerenze di cui è insignito ricordiamo altresì quella di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, conferitagli dal Presidente della Repubblica il 27 dicembre 2005 e la “Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare”. Il Capitano Vietri si è sempre distinto per la sua cordialità, il rispetto e la professionalità nei rapporti con i cittadini, le Istituzioni e le altre Forze di Polizia. Memoria storica e profondo conoscitore del territorio e della situazione info investigativa, è stato e resterà comunque un punto di riferimento per l’Arma dei Carabinieri della provincia irpina.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Capitano Mario Vietri va in congedo, l'omaggio dell’Arma dei Carabinieri di Avellino

AvellinoToday è in caricamento